Slam Dunk!- Paul e i Clips top of the West. Lakers ancora a terra

CONDIVIDIShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on RedditShare on StumbleUpon

Chris Paul, Neil Olshey
Eccoci di ritorno con le partite che hanno occupato la notte NBA. Nella lega più pazza del pianeta, tra risse e scoop, ci sono sempre le solite stelle che ci emozionano e rendono le ore notturne sempre meno consone al riposo. In questa ultima uscita torna prepotente la figura di Chris Paul, uno dei seri candidati all’MVP della stagione. Con lui, i Clippers sono tornati in cima alle classifiche e non sono più all’ombra dei cugini in gialloviola. Un roster rinnovato e più concreto, un gioco spumeggiante e soprattutto le tante vittorie, li consacrano come prima in classifica, a differenza dei Lakers che invece avranno problemi anche ad arrivare ai Playoff di questo passo. Vi lasciamo al resoconto giornaliero. Buona lettura.

 76ers at Raptors 72-90

Continua il brutto periodo per i Philadelphia che incontrano i caldissimi Raptors, all’ottava vittoria in dieci partite. Per i padroni di casa, ancora costretti a fare a meno di Bargnani, prende le redini DeRozan che segna 19 punti e, aiutato dal sempre solido Calderon, porta a casa la vittoria. La novità per i Toronto è la reintegrazione in quintetto di Landry Fields, fuori a lungo per infortunio. Dall’altra parte Holiday e Young, top scorer per la squadra, non riescono a reggere le ondate avversarie, senza il supporto dei compagni.

Jazz at Bobcats 112-102

Il duo Jefferson-Millsap (rispettivamente 26 e 19 pti) guida i Jazz alla vittoria contro i Bobcats, alla dodicesima sconfitta consecutiva in casa. Per loro l’unica nota positiva sono i 20 punti dalla panchina di Gordon, che però non riesce a tenere botta contro gli Utah, che sembrano in gran forma.

 Hawks at Cavaliers 83-99

A Cleveland, i Cavaliers tornano alla vittoria contro gli Hawks che sono alla quarta sconfitta di fila. Kyrie Irving sfodera un’altra grande performance, totalizzando 33 punti (di cui 18 nel terzo quarto) e confermandosi uno dei migliori playmaker della lega. Sugli scudi anche i lunghi di Cleveland che danno una grande mano strappando rimbalzi e proteggendo bene il canestro. Per gli Atlanta continua il periodo nero nonostante le buone cifre dei giocatori chiave.

 Suns at Celtics 79-87

Altra prova di forza da parte dei Celtics, che ritrovano rondo dopo la sospensione e arrivano a quattro vittorie consecutive. A fare la differenza è come sempre la difesa, una delle migliori della lega, che costringe gli avversari al 39% dal campo. Sullinger inizia ad accaparrarsi i favori del coach fornendo una gara da 12 punti e 16 rimbalzi, aiutando i compagni per arrivare alla W. Grande impatto dalla panchina anche da parte di Jeff Green, che mette a segno 14 punti. Per i Suns l’unico punto positivo è il solito Scola, che però non impedisce la quarta sconfitta di fila.

 Bucks at Bulls 104-96

Inizio confortante per Boozer e i Bulls che tengono testa ai Bucks per tutto il primo tempo. Da quel momento è uno show di Jennings. Nel solo terzo quarto mette a segno 20 punti e alla fine della partita ne fa rilevare 30, con giocate assurde e tante triple. Dalla sua parte Dunleavy segna 16 punti entrando dalla panchina e contribuisce alla vittoria sui Chicago, trascinati dal solo Boozer (22 pti e 11 rimbalzi).

 Rockets at Hornets 79-88

Cadono i Rockets dopo la vittoria della scorsa notte contro i Lakers. Gli Hornets sono in un momento di forma e, con una difesa attenta, riescono a tenere a bada le stelle avversarie nei momenti topici. L’ingresso in campo di Roger Mason porta da una scossa alla partita, e la guardia dei New Orleans mette asegno 17 punti, di cui 15 nell’ultimo spezzone di  gioco. Vasquez sembra sempre più il padrone di questa squadra, segnando 17 punti e distribuendo 11 assist.

 Lakers at Spurs 105-108

I Lakers cadono ancora e lasciano la vittoria agli  Spurs di Duncan e soci. Ancora costretti a rinunciare ai lunghi titolari, i LAL schierano Sacre in quintetto, lasciandolo alla mercè del caraibico di San Antonio. Per i padroni di casa il top scorer è Parker con 24 punti, ma è da notare la prestazione di Splitter, che sta giocando molto bene in questa stagione. Nelle fila dei gialloviola la sorpresa è Clark, che totalizza 22 punti e va vicino alla tripla che avrebbe mandato la partita allOvertime.

 Timberwolves at Thunder 84-106

Gli OKC partono piano ma dal secondo quarto in poi dominano completamente la partita. Durant guida i suoi con 26 punti, ma è come sempre supportato da Westbrook e Martin, che segnano rispettivamente 23 e 19 punti. I Minnesota, costretti a far fronte alle numerose assenze, reggono il possibile ma sono costretti ad arrendersi, lasciando spazio agli avversari.

 Magic at Nuggets  105-108

Per gli Orlando Magic arriva la decima sconfitta consecutiva, stavolta per mano dei Nuggets. I Denver vedono in Faried il loro migliore in campo, ma non tardano mai ad arrivare prestazioni solide da parte di Lawson, Iguodala e Gallinari, che offrono il loro apporto anche in momenti importanti. Nei Magic buona la prova di Nelson e Redick, che sta segnando di più rispetto alle stagioni passate, entrando sempre dalla panchina.

 Mavericks at Clippers 93-99

I Clippers si confermano al primo posto della Western Conference battendo i Dallas, che subiscono la quarta sconfitta di fila. Il fautore della tredicesima vittoria consecutiva in casa è come sempre Chris Paul, che dirige con grande carattere la squadra e mostra al pubblico un altra prestazione spettacolosa. Mette a segno 19 punti, regala 16 assist e, nel momento più importante della partita, ruba due palloni fondamentali che sigillano la vittoria dei suoi. Ancora problemi per i Dallas, che non riescono a risollevarsi per tornare a combattere per il titolo come negli anni passati.

Grizzlies at Warriors 94-87

Tutti i titolari dei Grizzlies vanno in doppia cifra, agguantando la vittoria contro i combattivi Warriors. Zach Randolph raggiunge l’ennesima doppia doppia della sua stagione mettendo a segno 19 punti e 12 assist. Nonostante le voci riguardanti una sua probabile partenza, Gay continua a lavorare sodo, mettendo a referto 18 punti, 6 assist e 5 rimbalzi. Per i GSW, Curry come sempre è l’anima della squadra, ma sebbene segni 24 punti, non riesce a sgretolare i solidissimi Memphis.

 

Come di consueto, proponiamo le 10 giocate più belle della notte. Godetevele e non mancate al prossimo appuntamento!

CONDIVIDIShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on RedditShare on StumbleUpon