Edinson Cavani: “Mi trovo davvero bene a Napoli”

CONDIVIDIShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on RedditShare on StumbleUpon

SSC Napoli v AS Roma - Serie A

Edinson Cavani, attaccante del Napoli, è stato intervistato dal Tg1 Online in merito alla ultima tripletta contro la Roma e alle tante voci di mercato.

Ecco quanto evidenziato da Maidirecalcio:
“Mi fa piacere riceve complimenti da Vialli: mi prendo i complimenti, come altre volte ho preso le critiche. Nel calcio ci sono anche quelle, è un gioco e ci è capitato che le cose non giravano bene. Ora mi godo con tutta la squadra e la società questo momento. Vado avanti e cerco di fare e dare sempre il meglio per il Napoli. Tanta voglia di dare tutto, in tutti gli aspetti della vita. Sono sempre stato uno che fa le cose con amore e con voglia: credo che questa sia la vita, viverla in questo modo e dare sempre il meglio di sé. In questo periodo riesco ad esprimere la mia gioia nel gol in quel modo”
Sono così, normale, nient’altro. Sono le persone che devono descrivermi: mi piace lavorare, mio padre mi diceva sempre di andare a letto con la tranquillità di “essersi guadagnati il pane”. Ho tanta fede, col tempo ho imparato tanto: da piccolo, anche se non conoscevo la parola, ero uno che lottava fino in fondo per qualsiasi obiettivo. Questo mi ha portato oggi ad essere qui con la mia famiglia e ad essere quel che sono. Guardo sempre avanti e ringrazio Dio per quel che ho. La salute prima di tutto. Cerco di godere ogni giorno come se fosse l’ultimo. A marzo arriva Lucas, un altro maschio: una delle cose più belle, con Bautista, che mi sia capitata. Non vedo l’ora. Non sono come tutti gli altri: non mi piace tanto uscire, anche da piccolo ero così. Non lo facevo perché non mi piaceva, ma perché era qualcosa che ad altri piace più e ad altri meno. La mia vita è sempre stata serena e tranquilla, così mi piace. Anche in Italia faccio la mia vita tranquilla. Loro sono la mia famiglia, con loro sto tantissimo. Gran parte del tempo lo passo con loro. Sono legato a tutti, al di là del carattere che ho (non scherzo troppo), ma loro lo sanno e mi conoscono bene. Un bellissimo rapporto: a volte capitano degli scontri o dei problemi, ma succede, come in famiglia. E’ normale. Non penso alla mia clausola. Il presidente mi ha dato tanta fiducia e adesso mi ha dato una bella risposta sugli obiettivi che mi sono posto. Sono ancora più calmo, così penso solo a star bene e a curare il mio fisico per rendere sempre al massimo per questa squadra e la sua società. Penso ad ottenere qualcosa di importante con il Napoli: spero di stare a Napoli ancora e mi godo tutto. La gente ti dà una spinta di più. Questa città mi dà tantissimo: mi trovo davvero bene qui. Il calore e l’affetto della gente mi ha dato sicurezza e sto dimostrando di avere tanto amore per loro e per questa città. Sono cresciuto grazie a loro e i miei figli sono nati qua. Cerco di ripagarli con delle cose semplici e vincendo.
Se faccio tanti gol è grazie alla squadra, è normale. Il merito delle vittorie lo deve portare sempre il mister: è lui che prepara i dettagli ed ogni cosa alla perfezione. La partita contro la Roma l’ha preparata molto bene e c’ha perso tanto dietro, per questo si è arrabbiato tanto nel postpartita. Per lui era un momento speciale, voleva una scossa da parte nostra dopo le vacanze. Balotelli è un grande giocatore, ogni tanto qualche sbaglio, ma nella vita sbagliano tutti. Magari lui per tanti motivi fa questi tipi di sbagli, ma ogni errore serve per imparare. Nel calcio non si sa mai, dietro di noi ci sono tante cose diverse e non si sa mai. Mi piacerebbe tanto giocare con lui, è un campione. Credo che nessuno può giudicare l’altro, perché non sa da dove viene e come è veramente fatto. Penso che nella vita ci sono dei momenti difficili, invece di gettare una pietra bisogna aiutarlo. E’ un campione italiano che un giorno può regalare tante gioie. Mi dispiace tanto, perché non dovrebbe succedere. Il mondo è così com’è perché ci sono tante differenze: bisogna sempre ringraziare Dio per essere più fortunati di altri. Nella vita bisogna sempre camminare a testa alta. Il calcio dovrebbe essere solo un divertimento- Sono contento di essere ancora a Napoli, per me è un giorno normale e vorrei vincere la partita di Europa League. Chiudere la giornata nel migliore dei modi”.

CONDIVIDIShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on RedditShare on StumbleUpon

About The Author



Studente di “Comunicazione Audiovisiva” all’Università degli Studi di Salerno. Sogna di diventare un giornalista sportivo professionista. Redattore anche per pianetanapoli.it