Australian Open: Djokovic – Ferrer è la prima semifinale

CONDIVIDIShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on RedditShare on StumbleUpon

Rod-Laver-Arena-Australian-Open-e1349241612243

Novak DJOKOVIC David FERRER si contenderanno un posto in finale agli AUSTRALIAN OPEN 2013.

Il tennista serbo ha sconfitto in 4 set Tomas BERDYCH mentre lo spagnolo ha vinto in 5 set il derby con Nicolas ALMAGRO.

Iniziamo con raccontare le due ore e 31 minuti giocate alla Rod Laver Arena da Novak Djokovic, che ora insegue il sogno di diventare il primo nella storia a vincere tre Australian Open consecutivi, e Tomas Berdych che mette in mostra un gran tennis nel secondo set ma nulla può contro lo strapotere del serbo.

Sembra tutto facile per Nole nel primo set vinto 6 a 1, in meno di mezz’ora. Il serbo è devastante e vuole chiudere in fretta la pratica, forse memore della maratona con Wawrinka, ma nel secondo set le carte in tavola cambiano.

Berdych inizia a trovare finalmente il servizio e i suoi dritti vincenti che gli assicurano il break di apertura. Djokovic si rilassa e commette qualche errore di troppo, resta aggrappato fino al 4 a 5, ma nel decimo gioco il ceco attacca accelerando con il dritto, trova l’ace e costringe all’errore Nole, che stecca e consegna la seconda partita all’avversario: 4-6 in 54 minuti.

Il terzo set è una fotocopia del primo. Berdych perde il servizio e il dritto, stecca punti facili e Nole chiude in 28 minuti per 6 a 1. Il quarto set è pura passerella con il serbo che è sbrigativo al servizio e il ceco che resta attaccato come può. Resta un ultimo grandissimo game da parte di entrambi: Berdych non ha più niente da perdere e lascia andare il braccio per il 15/30, Nole perde la prima proprio nel momento più importante ma il ceco va lungo col dritto e Djokovic ritrova il servizio per il match-point: il drop-shot si ferma sul nastro, la profondità vale la seconda palla utile ma Nole sbaglia un dritto a campo aperto mentre il ceco cancella la terza con l’ultimo vincente prima dei titoli di coda con occhiello: il decimo ace di Djokovic che vale la semifinale.

Il derby tra David FERRER e Nicolas ALMAGRO rappresenta un vero e proprio suicidio da parte del tennista di Murcia, che per 2 set e mezzo sfoggia un tennis perfetto e poi crolla, anzi si blocca inspiegabilmente e infine consegna letteralmente la partita al suo avversario: 4-6, 4-6, 7-5, 7-6, 6-2 il punteggio finale.

Almagro scende sul centrale picchiando e devastando dal fondo, sembra una furia e si porta velocemente al terzo set, vincendo chirurgicamente i primi due al decimo gioco. Il terzo ha lo stesso identico copione, con Almagro ancora chirurgico nel settimo gioco e spettacolare fino al 5-3 che lo porta a un game dalla prima semifinale della storia. Ferrer tiene il servizio, si riavvicina al 5-4. Poi lì parte lo psicodramma.

Almagro va a servire per il set e nei primi 4 punti non mette una prima. Ferrer recupera due palle break, Almagro le annulla ma, poi, con due gratuiti rimette in partita il valenciano. E’ l’inizio della fine.

Ferrer infila da quel momento un parziale di 14 punti a 1. Almagro non riesce nemmeno ad arrivare al tie-break, perdendo il servizio a zero e regalando, di fatto, il terzo set a Ferrer.

Ferrer non è in condizioni ottimali e sembra esserci per Almagro una seconda possibilità, che però spreca malamente. Sul 5-4 e sul 6-5  del quarto set può servire per il match ma con un’infinità di errori fa un bel regalo con fiocco all’avversario, che vince al tie break .

Nel quinto set il crollo totale. Almagro prima chiama il fisioterapista per crampi (sintomo di una condizione mentale tesissima) poi sul 2 a 2 cede la spugna e Ferrer infila 4 giochi consecutivi che gli valgono la semifinale.

“Cos’è successo a livello mentale poi?”

“Nulla. Se avessi un problema a livello mentale non avrei vinto il primo e il secondo set”.  (N. Almagro)

CONDIVIDIShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on RedditShare on StumbleUpon

About The Author



Classe '85. Fondatore e direttore editoriale di MaiDireCalcio (ora Contrataque), istintivo sognatore napoletano. Ho scritto per PianetaNapoli.it, ora sono redattore per NapoliCalcioLive.com, web content per jobyourlife.com e pagellista per calciomercato.it. Laurea in Economia, giornalista pubblicista, baggista e folle appassionato del Crystal Palace. Twitter @claudioc7 Facebook facebook.com/ChandlerBing85