Capital One Cup: la finale sarà Swansea – Bradford

Swansea+City+v+Chelsea+-+Capital+One+Cup+Semi-Final+Second+Leg

La finale che non ti aspetti…

Swansea e Bradford si contenderanno la Capital One Cup, la tradizionale coppa di Lega inglese, che andrà in scena il prossimo 24 febbraio.

Sarà quindi la squadra di Michael Laudrup ad affrontare i Bantams. Merito ai gallesi che ieri sera hanno raggiunto una finale meritata e conquistata ai danni dei campioni d’Europa del Chelsea.

Si tratta della prima finale in assoluto nella storia del club gallese. I Blues non sono riusciti a recuperare dal 2-0 subito all’andata e hanno dovuto salutare il secondo obiettivo stagionale dopo l’eliminazione in Champions League.

Il risultato non sorprende. Lo Swansea infatti è forse la squadra che esprime il miglior gioco nel campionato inglese e la finale è solo il frutto di stagioni di crescita e consolidamento.

Il seme venne gettato nel febbraio del 2007 quando la panchina dello Swansea fu affidata al 34enne Roberto Martinez. Promozione in Championship e gioco basato sul possesso palla e il controllo della partita, che la dirigenza avrà il grande merito di saper preservare con scelte coerenti negli anni a venire.

Brendan Rodgers porta la squadra in Premier League nel 2011, imponendosi poi all’attenzione generale nella stagione scorsa con l’undicesimo posto finale e una qualità di gioco ulteriormente cresciuta, tanto che qualcuno si spinge fino ad avanzare timidi paragoni con la filosofia barçelonista (il neologismo Swanselona si riferisce proprio alle percentuali di possesso palla spesso molto alte raggiunte dai gallesi).

Quest’anno il testimone è passato a Laudrup. Gioco frizzante e l’acquisto di Michu hanno lasciato il segno. Acquistato per 2 milioni di euro dal Rayo Vallecano per espressa volontà del tecnico danese e già autore di ben tredici reti in campionato, con l’intuizione di Laudrup che lo ha trasformato in centravanti vero e proprio da trequartista atipico cui era, lo spagnolo è il fulcro del gioco espresso dalla squadra gallese.

La finale di Capital One Cup insomma è il giusto premio per una società che ha operato così bene nel corso degli ultimi anni. E ora si troverà ad affrontare chi ha creduto nell’impossibile realizzando un’impresa a dir poco inimmaginabile. Una finale dal grande fascino appunto; e poco importa dei quarti di nobiltà che mancheranno sul prato di Wembley.

About The Author



Classe '85. Fondatore e direttore editoriale di MaiDireCalcio (ora Contrataque), istintivo sognatore napoletano. Ho scritto per PianetaNapoli.it, ora sono redattore per NapoliCalcioLive.com, web content per jobyourlife.com e pagellista per calciomercato.it. Laurea in Economia, giornalista pubblicista, baggista e folle appassionato del Crystal Palace. Twitter @claudioc7 Facebook facebook.com/ChandlerBing85