Cristiano Ronaldo: “I premi individuali non sono importanti”

CONDIVIDIShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on RedditShare on StumbleUpon

ronaldo

La lunga intervista di Cristiano Ronaldo rilasciata al sito spagnolo As.com.

Sua madre disse nel gennaio 2008 sulla copertina di AS che non voleva morire senza vedere suo figlio giocare a Madrid.
Sì, quando ho deciso di lasciare Manchester, c’erano altri grandi club che mi volevano. Ma quello che più volevo da quando ero un bambino era quello di giocare per il Real Madrid. Poi il Bernabéu pieno con quasi 90.000 persone nella mia presentazione ufficiale è stato scioccante. Non dimenticherò mai quei momenti.

Sugi spalti del Bernabeu si è cantato più volte in questa stagione, “Pallone d’Oro, Ronaldo Pallone d’Oro”. Molte persone credono che meritasse il premio quest’anno.
Avevo sognato di vincere dopo la grande stagione che avevamo fatto io e il Real Madrid. Ma purtroppo non è stato quello che è successo. Ma non posso vivere di premi individuali, perché non sarei mai stato felice. Così cerco di essere felice a Madrid, giocando meglio ogni giorno, aiutando la mia squadra e di essere giusto con i tifosi.

Non sorprende che Messi non ti abbia menzionato nelle sue interviste dopo aver ricevuto il Pallone d’Oro?
Non mi sorprende. Non mi ha votato tra i primi tre dell’anno, e non mi affatto sorpreso.

Cosa ha pensato quando hai saputo che Mourinho non sarebbe stato presente al Gala’ di Zurigo?
Io rispetto la decisione del tecnico, è una sua decisione. Credo che sapeva cosa stesse per accadere. Talvolta può essere più intelligente di altri. Io non sono così lui che so cosa sta per succedere, in modo da capire. Tuttavia, i premi individuali non mi danno niente. Penso solo a vincere con il Real Madrid e il Portogallo.

Benzema e Higuain sono ben al di sotto agli standard dello scorso anno. Che cosa gli sta succedendo?
E’ una questione di orgoglio proprio, di rendimento generale della squadra, è una questione molto complessa. Non posso dare una valutazione definitiva, perché i due sono molto buoni e non il non poter giocare sempre risulta complicato. Come se avessi un altro grande giocatore nella mia stessa posizione. Se dovessi giocare solo occasionalmente sarebbe difficile per me far fronte a questa situazione. Sono due attaccanti fortissimi. Ma è una decisione difficile per Mourinho, che deve scegliere chi gioca. L’allenatore ha un compito difficile. Ma sono certo che saranno di aiuto per vincere la Champions League e il Campionato.

La cosa positiva di questa prima stagione è Varane. Ha sempre parlato bene di lui.
Varane sta imparando molto, è cresciuto come giocatore e come persona e sono sicuro che sarà grande difensore centrale. E’ veloce, salta molto bene ed è tranquillo dietro. Sta accumulando esperienza nonostante la giovane età. Egli è umile e, per me, nel giro di pochi anni sarà uno dei migliori centro del mondo. Non ho dubbi su questo.

Sa cosa farà Mourinho dopo la fine di questa stagione? Lo spogliatoio lo sa?
Non lo so. Credo che continuerà almeno fino a fine stagione, perché è un allenatore che vuole sempre vincere e abbiamo molte sfide future che vogliamo raggiungere. Poi decidere cosa è meglio per lui, per la sua categoria professionale e il club. Ma io non so quello che pensa lui, né il club e preferisco non parlarne.

Che cosa è successo con Mourinho? 
Si tratta di una questione molto personale, che è sistemata e ora tutto va bene. Le cose che accadono negli spogliatoi si lasciano negli spogliatoi.

Mancano ancora due giocatori chiave, Pepe e Casillas. Il primo sta per tornare, ma per il capitano ci vorrà molto. Come funziona la vostra assenza?
Pepe, a breve, tornerà e sarò un ritorno molto gradito, che dà una mano ulteriore alla squadra.

E l’infortunio di Iker?
Si tratta di un elemento molto importante per la squadra, ma il club ha acquistato Diego Lopez, che è un grande portiere e può fare un ottimo lavoro con noi.

Sei rimasto sorpreso da quello che ha detto Sara Carbonero, fidanzata di Iker sulla presunta situazione di vita complicata con Mourinho?
Ci sono problemi che non mi parli della concorrenza, ma è una questione un po’ delicata e credo che sia qualcosa che non dovrebbe essere fatto. Tuttavia, le persone sono libere di dire quello che pensano, ma credo che abbia fatto bene a causa delle cose costume dovrebbero rimanere nello spogliatoio e conoscere cose che non devono essere dette alla stampa. Ma ripeto che si manifesta come ogni vuole e dice quello che pensa.

CONDIVIDIShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on RedditShare on StumbleUpon

About The Author



Studente di “Comunicazione Audiovisiva” all’Università degli Studi di Salerno. Sogna di diventare un giornalista sportivo professionista. Redattore anche per pianetanapoli.it