Marchisio e Chiellini a una sola voce: “Vogliamo Wembley”

Chiellini e Marchisio

Claudio Marchisio e Giorgio Chiellini: due simboli della nuova Juve, quella che è arrivata a vincere lo scudetto partendo dall’inferno della Serie B. Le due colonne della compagine guidata da Antonio Conte sono intervenuti ad un incontro con alcuni alunni di un istituto a Crescentino (provincia di Vercelli), rispondendo ai quesiti dei giovani alunni: a partire dalla musica (Marchisio non ha mai fatto mistero di essere un fan del Gangnam Style) fino ad arrivare agli obiettivi della squadra.

VOGLIA DI WEMBLEY Il numero 8 bianconero, come riportato da Tuttosport, è tornato sulla querelle di poco più di un mese fa: “siamo arrivati a dire che odio Napoli, ma questo non è vero: ho massimo rispetto per la città e i suoi abitanti. Puntiamo allo scudetto e alla vetta d’Europa, sarà durissima ma la convinzione per arrivare alla finale di Wembley non ci manca, possiamo diventare il nuovo Chelsea e sovvertire i pronostici in Champions“.

Marchisio ha anche dichiarato che non scorderà mai il suo primo gol in bianconero “alla Fiorentina su assist di Del Piero che era il mio idolo“. Grandissima soddisfazione per chi ha vestito la maglia bianconera dall’età di 8 anni.

CHIELLINI E’ PRONTO Le parole del difensore toscano, laureato in economia all’Università di Pisa, sono state invece riportate dalla Gazzetta dello Sport; il “Chiello” si sente come un leone in gabbia: “è stata dura assistere alle partite dei miei compagni senza poter dare una mano. Ho ripreso ad allenarmi in gruppo e sono recuperato. Il polpaccio non dà più il minimo fastidio. Spero di rientrare in campo il prima possibile, deciderà Conte insieme allo staff sanitario quando sarà il momento opportuno“.

Parole che sono miele per le orecchie dei tifosi bianconeri, con buona pace dei Caceres e dei Peluso, che non hanno sfigurato nel sostituire il numero 3 bianconero.

About The Author



Duro ma leale, catenaccio come stile di vita. Tremendamente toscano, diffidate delle imitazioni.