Goleador di continuità, Messi altro record e c’è anche Negri

Messi-Malaga

Lionel Messi batte un altro record: nella serata di sabato, segnando il gol del 2-0 al Deportivo La Coruna, il fuoriclasse delBarcellona ha raggiunta quota 40 gol stagionali nella Liga. Ma il vero dato che gli permette di scrivere un’altra pagina importante nella storia del calcio è il numero di partite consecutive in cui il numero 10 argentino è andato a segno: 17 gare per un totale di 27 reti, ovvero una media di 1,58 a partita.

La Pulce ha superato così Teodor Pewterek, bomber polacco che negli anni ’30, nella stagione 1937/38 per la precisione, era riuscito a segnare in 22 gol in 16 partite di fila con la maglia del Ruch Chorzow. Il terzo posto in questa speciale classifica va all’uruguaiano Juan Pedro Young, capace, come il cileno Jaime Riveros e il norvegese Tor Henning Hamre, di segnare per 15 partite consecutive, ma mettendo in rete 22 palloni contro i 21 degli altri due.

E i calciatori italiani? Purtroppo nessuno nei migliori 10 di tutti i tempi. Il primo calciatore che ha avuto qualcosa a che fare con la nostra Serie A e a figurare in questa graduatoria è Gabriel Omar Batistuta: l’attaccante della Fiorentina riuscì, nella stagione 1994-95 a realizzare ben 13 gol nelle prime 11 partite, e chiudendo la classifica dei cannonieri in testa con 26 gol. Il primo italiano a tutti gli effetti è Marco Negri, il bomber ex Perugia migrato in Scozia che con la maglia dei Rangers nel 1997-98 mise a segno un filotto di 10 partite con gol in cui fece centro addirittura 23 volte!

Tanti i nomi noti che figurano nelle posizioni appena sotto quelle di prestigio in questo ranking, partendo da Mario Jardel (19 gol in 10 partite in fila nel 1999-2000 con il Porto), passando per Ruud Van Nilstelrooy (15 in 10 tra 2002/03 e 2003/04 allo United) fino ad arrivare a Ronaldo (quello del Barcellona, 12 in 10 nel 1996/97).

 

Fonte: it.eurosport.yahoo.com