Intervista in esclusiva a Gianluca Pagliuca

CONDIVIDIShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on RedditShare on StumbleUpon

1495115-pagliuca

Articolo originale pubblicato dal sito Bar Frankie (http://barfrankie.altervista.org) sito aderente all’Unione SPORTMOD.

Sabato 09/03,  alla vigilia dello scontro diretto fra due sue ex-squadre (Inter e Bologna), il Bar Frankie intervista in esclusiva Gianluca Pagliuca, uno dei più forti portieri italiani degli anni ’90, terzo recordman assoluto di presenze in serie A (ditero solo a Zanetti e Maldini), vincitore e protagonista assoluto dello storico scudetto Blucerchiato e dell’altrettanto storica Coppa delle Coppe.

Ecco il report del Ns.redattore Lorenzo Nicolao, sarà possibile ascoltare l’audio integrale dell’intervista Martedì 19/03 all’interno della terza puntata del “Bar Frankie Special”, il Ns.programma sportivo trasmesso da Radiosamp (www.radiosamp.it)

“…Ricordi che fanno venire le lacrime agli occhi…”

Una breve intervista per qualche domanda volante, quanto basta per le determinate affermazioni di un campione vero. Gianluca Pagliuca non è solo il terzo giocatore per numero di presenze in serie A dopo Javier Zanetti e Paolo Maldini. Uno dei migliori e più longevi portieri della storia del campionato italiano ricorda senza nascondere le lacrime e la commozione, almeno a  parole,  di quell’epoca d’oro blucerchiata. “A Bologna sono arrivato tardi, quando ormai avevo 32 anni e l’Inter rimane una grandissima squadra ma il momento più bello della mia carriera è stato sicuramente quello in blucerchiato.”

Il primo scudetto della Sampdoria, la favolosa e ormai mitica notte di Goteborg. Due delle tante partite disputate ma quelle che hanno segnato i record e la storia della squadra di Genova. Tanti accenni, anche a vecchi amici come Iorio o Paolo Mantovani “Ricordi indelebili, soprattutto se penso di aver fatto parte di una squadra vincente e che difficilmente potrebbe ripetersi in questa epoca”. Allora potevano vincere anche club che non fossero Juventus, Inter e Milan, si poteva scrivere letteralmente la storia. Oggi solo ricordare non è attività per un campione come Pagliuca. il tempo passa e la voglia di giocare irrimediabilmente svanisce. “Mi chiamano ogni tanto per queste partitelle tra vecchie glorie due o tre volte l’anno, soprattutto a Beach Soccer, ma nulla di più, il bello e fare nuove esperienze ed allargare gli orizzonti…”

Ora il portierone gioca a basket e a tennis anche nella versione da spiaggia. Il segreto della continuità ai massimi livelli è tanto banale quanto fondamentale. “La voglia, la costanza, il presentarsi sempre puntuali ad ogni allenamento, ringrazio il Signore per la fortuna di non aver accusato gravi infortuni in carriera…”.  E’ passato qualche anno e ora Pagliuca può fornire anche qualche battuta da opinionista. ” Sulle mie vecchie squadre? Bé ora c’è proprio lo scontro diretto, il Bologna sicuramente proverà a fare il colpo a San Siro, se la giocherà fino alla fine, l’Inter in questa fase della stagione è in difficoltà. Per quanto riguarda la Samp devo fare i complimenti a Delio Rossi, non prende goal, è solida e compatta…”

Infine, semplice come il grido di ogni tifoso, un naturale “Forza Samp”  la squadra che dopo tante vicissitudini ed esperienze ha conquistato il suo cuore.

Per leggere l’articolo originale cliccare sul link qui sotto:

http://barfrankie.altervista.org/blog/intervista-a-gianluca-pagliuca-by-lorenzo-nicolao/

CONDIVIDIShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on RedditShare on StumbleUpon

About The Author



Classe '85. Fondatore e direttore editoriale di MaiDireCalcio (ora Contrataque), istintivo sognatore napoletano. Ho scritto per PianetaNapoli.it, ora sono redattore per NapoliCalcioLive.com, web content per jobyourlife.com e pagellista per calciomercato.it. Laurea in Economia, giornalista pubblicista, baggista e folle appassionato del Crystal Palace. Twitter @claudioc7 Facebook facebook.com/ChandlerBing85