Prandelli: “Se Totti continua a segnare, lo porterò ai Mondiali”

CONDIVIDIShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on RedditShare on StumbleUpon

prandelli

Alla vigilia dell’amichevole di lusso contro il Brasile, Cesare Prandelli ha parlato questo pomeriggio in conferenza stampa.

Ecco quanto evidenziato da Maidirecalcio: ”

SFOGO DI CONTE – “Il clima in serie A non mi piace ma dobbiamo dare un contributo perché possa migliorare, anche parlando. Conte ha ragione queste situazioni sono talmente esasperate e violente che possono dare fastidio e far pensare ad un allenatore di cambiare. All’estero rimarcano il fatto che questi aspetti non ci sono. La partita viene vissuta come evento sportivo e con forte emozione e finisce li. In Italia c’è molta violenza, esasperazione, provocazione. Il nostro compito è essere corretti e non accettare provocazioni sul terreno di gioco per 90 minuti”.

ANDARE ALL’ESTERO– “Ragionando a mente fredda potrei dire che all’estero hai la possibilità di fare il tuo lavoro e non disperdere energie per queste cose. Noi siamo responsabili del nostro comportamento in campo, è determinante. Dobbiamo iniziare noi e avere un grandissimo rispetto nei confronti di tutti. Se ci sono provocazioni bisogna avere la forza di reagire in maniera ferma.  Ognuno è libero di esprimere le proprie emozioni, ma c’è una linea sottile tra l’esultanza e il mancare di rispetto degli avversari. I bianconeri correranno fino all’ultimo e non daranno vantaggi a nessuno, anche se onestamente hanno un vantaggio straordinario”.

MARIO BALOTELLI- Balotelli ha grande motivazione, riesce ad essere più concentrato in partita. Abbiamo sempre detto che era un’opportunità straordinaria e la sta sfruttando bene. Mario aveva bisogno di giocare con continuità, si sta allenando molto meglio, lavorando sui dettagli e su questo ruolo. Sa che nel Milan deve giocare in quella posizione”.

CASSANO– “L’altra sera Cassano è stato straordinario. Ma non devo fare appelli: prenderemo in considerazione tutti, non solo Antonio. Come è successo con Di Natale, nessuno pensava che agli Europei l’avrei convocato”.

TOTTI– “Se Totti l’anno prossimo manterrà questa condizione, lo prenderemo in considerazione. Sembra un giovincello”.

BRASILE– “L’idea è quella di giocarsi queste due partite come se entrambe valessero una qualificazione. Affrontare il Brasile è sempre una grande emozione, ma non vorrei che questa tensione ci facesse perdere di vista la gara contro Malta, che per noi è il match più importante. Mi piace lavorare sui blocchi, perché penso che lo spirito di squadra della Nazionale ne possa solo trarre beneficio”.

CONDIVIDIShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on RedditShare on StumbleUpon

About The Author



Studente di “Comunicazione Audiovisiva” all’Università degli Studi di Salerno. Sogna di diventare un giornalista sportivo professionista. Redattore anche per pianetanapoli.it