Michael Owen lascerà il calcio giocato

CONDIVIDIShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on RedditShare on StumbleUpon

owen

 Michael Owen ha annunciato questa mattina il proprio ritiro da calciatore.

“Comunico con grande orgoglio la mia intenzione di ritirarmi dal calcio professionistico al termine di questa stagione. Dopo una carriera che mi ha visto debuttare a 17 anni con il Liverpool, prima di passare a Real Madrid, Newcastle United, Manchester United e Stoke City. Senza dimenticarmi delle 89 occasioni in cui ho rappresentato il mio Paese con la maglia della nazionale. Adesso sento è che giunto il momento di far calare il sipario sulla mia carriera”.

Premiato con il Pallone d’Oro nel 2001, la stella di Owen esplose durante i Mondiali 1998 con un gol spettacolare all’Argentina, una delle 40 reti segnate a livello internazionale.

Gli infortuni lo hanno tormentato per tutta la sua carriera. Va al Real Madrid, ma dopo una stagione sola in Spagna torna in patria al Newcastle. La sorte non è mai stata dalla sua parte, come attesta l’infortunio rimediato in Svezia-Inghilterra del Mondiale 2006, quando si rompe i legamenti del ginocchio inciampando da solo. Torna dieci mesi dopo e per lui inizia la seconda fase della carriera, quella che lo vedrà tradire il Liverpool con il contestato passaggio al Manchester United nel 2009.

Indossa anche la maglia numero sette di Cristiano Ronaldo, ma si infortuna nuovamente. Infine, nell’estate scorsa, da svincolata, passa allo Stoke City (6 presenze, 1 gol).

Ma lui si sente comunque “fortunato” perché la sua carriera gli ha dato la possibilità di realizzare il sogno di tanti ragazzi.

Molte persone gli contestano la vittoria del Pallone d’Oro, affermando che quel Pallone avrebbe dovuto vincerlo Raul. Ciò nonostante, il calcio è bello anche per questo. Bello perché vario. Tutti noi abbiamo avuto e continuiamo ad avere dei modelli da seguire e dei calciatori che ci hanno fatto sognare. Raul o Owen sono stati due grandissimi attaccanti: il centravanti spagnolo è stato più continuo e ha vinto tutto in carriera con il Real, mentre il Golden Boy è stato martoriato da numerosi infortuni.

Buena vida Michael! 

CONDIVIDIShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on RedditShare on StumbleUpon

About The Author



Studente di “Comunicazione Audiovisiva” all’Università degli Studi di Salerno. Sogna di diventare un giornalista sportivo professionista. Redattore anche per pianetanapoli.it