Mazzarri in conferenza stampa: “Cavani lo vedrò a Torino”

 

Mazzarri maidirecalcio 2

Questi i passaggi più significativi raccolti da Maidirecalcio nella conferenza stampa che ha visto protagonista il tecnico del Napoli, Walter Mazzarri, nella sala conferenze del quartier generale azzurro di Castel Volturno:

11.32 – Mazzarri sulla formazione anti-Toro: “Come tutti gli allenatori sono contrariato perchè non posso allenare la mia squadra per bene. Uno è arrivato mercoledì, un altro giovedì. Campagnaro, Behrami e De Sanctis sono infortunati, questa è la situazione. Ai ragazzi ho chiesto di far quadrato per fare una grande partita, gli ho detto di stare pronti, devo capire qual è l’ultima sensazione, poi ci aggiorneremo. Se avessimo giocato di domenica sarebbe stato meglio”.

11.34 – Su Cavani: “Zuniga e Armero sono arrivati ieri sera e voglio parlarci. Cavani è ancora in volo, lo ritroverò direttamente a Torino”.

11.36 – “Quando i ragazzi vanno in nazionale giocano con moduli diversi, adesso dobbiamo riprendere il nostro cammino”. Sul Torino: “Mi piacciono gli allenatori che danno un’identità alle proprie squadre e Ventura è uno di questi. Mettono in difficoltà un po’ tutti, sanno fare tante cose, dovevamo prepararla meglio”.

11.37 – Dubbio tra Pandev e Insigne: “Devo cercare di capire anche le contrapposizioni col Torino stesso, dipenderà molto anche dalla presenza di Cavani”.

11.38 – “Cannavaro, Britos e Gamberini saranno i titolari, sono gli uni del reparto con cui ho potuto lavorare. Ho provato anche Rolando e Grava, oggi farò le ultime verifiche”.

11.39 – “Domani bisogna far bene e continuare così, poi non ci saranno più partenze quindi le prossime partite potrò parlarne meglio”.

11.40 – Su Rosati: “Non gli ho parlato, secondo me non dobbiamo parlare di quel ruolo lì, è un ruolo delicato specialmente per chi gioca poco. Sono convinto che faccia una buona partita”.

11.41 – Calaiò? “Il quarto attaccante sa bene cosa gli spetta fare. Lui sa quando serve e in questo momento, anche se manca Edi, va bene schierare Insigne e Pandev. Emanuele è entrato a Roma, adesso farò delle scelte diverse”.

11.43 – Su Hamsik: “Che segni Marek o qualcun’ altro non ci importa. Ultimamente non gli è andata bene in fase di realizzazione, ma ha sempre fatto molto bene”.

11.45 – Le assenze del Torino: “Se elogio troppo gli avversari qualcuno ha da ridire. I numeri parlano chiaro, sarebbe il colmo sottovalutare il Toro. Noi abbiamo perso col Chievo, potremmo perdere anche col Torino”.

11.46 – Sul gioiellino croato Radosevic: “Non sapevo che sarebbe dovuto arrivare, Bigon mi disse che sarebbe arrivato per giocare nella prossima stagione. Ho altri centrocampisti, c’è anche Donadel, ci sono delle gerarchie che non vado a toccare. L’allenamento non è una partita vera, a volte non so dove far giocare Radosevic, a volte gli faccio fare il terzino o il mediano. Non lo vedo come gli altri”.

11.48 – “Cerci è fortissimo e se non ci contrapponiamo bene con lui si può inciampare in brutte sorprese. Dobbiamo pensare ad attaccare”.

11.49 – “Ho l’unico allenamento da fare dopo, non mi fate parlare troppo perchè non ho ancora le idee chiare”.