Di Canio-Sunderland, la sfiga dei gatti neri

di canio

Arriva Paolo Di Canio sulla panchina del Sunderland e succede il finimondo: prima le dimissioni di un membro laburista del CdA del club, quindi il duro attacco del FARE, associazione contro il razzismo nel calcio in Europa. E Di Canio è l’epicentro suo malgrado di polemiche senza fine per via delle sue preferenze politiche, “apertamente fasciste” secondo i detrattori dell’ex Lazio. Per fare chiarezza sulla propria posizione e sull’accusa di essere un razzista oltreché fascista, Di Canio ha rilasciato un comunicato sul sito del Sunderland. Ecco quanto evidenziato da Maidirecalcio:

“La mia vita parla per me. Fa male il fatto che delle persone cerchino di privarmi della mia dignità. Credo nei miei valori, e non mi ferisce che venga danneggiato io, ma che venga toccato quanto mi hanno insegnato i miei genitori. Se qualcuno si sente ferito, mi dispiace, ma io non ho mai avuto problemi col mio passato: ho espresso un’opinione in un’intervista molti anni fa, di cui sono state estrapolate ad arte delle parti per convenienza mediatica. Hanno interpretato in maniera molto negativa il mio pensiero pur di sparare grandi titoli, ma io non ho problemi con nessuno”.

RAZZISMO“Io razzista? Un’accusa assolutamente stupida e ridicola. Chi mi conosce cambia rapidamente idea su questo punto. I miei migliori amici in Inghilterra erano Trevor Sinclair e Chris Powell (entrambi di colore, ndr). Non parlo di politica, non è la mia area di competenza: non siamo alla Camera, ma in una società di calcio, e voglio parlare di calcio. Non sono una persona di politica”. Il Sunderland e Paolo Di Canio non rilasceranno ulteriori dichiarazioni sull’argomento.

L’INGAGGIO – Di Canio è stato scelto senza indugi dopo aver lasciato lo Swindon Town, in grave crisi economica, nel corso della stagione, portandolo tra l’altro in una dignitosa posizione di classifica. Il Sunderland a lui ha pensato dopo aver licenziato il managar Martin O’Neill, con il quale i Black Cats si sono ritrovati appena un punto sopra la zona retrocessione.

About The Author


Napoli, Il Napoli, Star Wars, la pizza, la mia donna, i videogiochi ed il giornalismo sportivo. Non necessariamente in questo ordine.