Lazio eliminata dal Fenerbahce, addio Europa League

lazio fenerbahce

Non è bastato l’assalto continuo della Lazio alla porta del Fenerbahce. Al 74′ dopo un dominio indiscutibile i biancocelesti si piegano al gol di Erkin e abbandonano l’Europa League, decretando di fatto la fine della campagna europea 2012/2013 delle italiane.

Una Lazio tutta cuore dimostra ancora una volta, come l’andata in Turchia abbia rappresentato l’unica serata storta della marcia biancoceleste in Europa. Davanti ad un’atmosfera surreale (spalti vuoti a causa della squalifica dell’Olimpico) Petkovic schiera un’inedita difesa a 3 e punta alla verve di Candreva, Ederson e Hernanes che lavorano dietro l’unica vera punta Kozak. I turchi rispondono con il classico 4-2-3-1 con la volontà di non abbassare la guardia, nonostante i due gol di vantaggio.

PRIMO TEMPO – Il primo tempo è tutto di marca biancoceleste. Ben 13 conclusioni tentate contro una spiegano l’andamento della frazione. In successione al 4′ botta di Candreva dal limite dell’area dopo una gran palla recuperata da Ederson: traiettoria troppo centrale e Volkan para. Al 12′ Hernanes batte a sorpresa una punizione dalla sinistra direttamente in porta: Volkan la prende ma con più difficoltà del previsto e per poco Kozak non appoggia in rete. Ma con il passare dei minuti la manovra laziale appare sempre più sterile e il Fenerbahce riesce a tenere bene e a controllare senza affanno. Al 41′ l’unico vero brivido: Ederson cerca il destro violento a incrociare dal limite destro dell’area di rigore, Volkan dice di no di piede.

Termina in parità la prima frazione, uno zero a zero frutto dell’incapacità della Lazio di riuscire a trovare il guizzo giusto. Troppi tiri centrali e la sensazione che l’assenza di un rapace d’area come Miroslav Klose pesa tantissimo.

SECONDO TEMPO – Parte subito forte la Lazio. Gran cross di Candreva dalla destra, Kozak anticipa tutti staccando benissimo ma il suo colpo di testa è alto, seppur di poco. Occasione gigantesca per la Lazio. Al 60′ conclusione violentissima di Radu, Volkan ancora una volta non trattiene: Kozak si avventa sulla sfera ma la difesa turca si chiude bene mettendo in angolo, è il preludio al gol che arriva dopo un minuto. Candreva è incontenibile sulla fascia e mette in mezzo un altro gran bel cross, irrompe Lulic che con una violenza inaudita colpisce di testa e batte Volkan incapace di una qualsiasi reazione vista la potenza della conclusione, arrivata da pochi metri. E’ 1 a 1 e la Lazio ci crede.

Il Fenerbahce non reagisce, non affonda il colpo e punta a gestire il possesso. Sembra il momento giusto per agguantare i supplementari, ma la Lazio forse nell’unico momento di stasi, subisce il gol che la elimina definitivamente dall’Europa League. E’ il 74′ ed Erkin frantuma i sogni di qualificazione. Azione di contropiede, il centrocampista turco conclude violentemente da posizione ravvicinata dopo aver fatto fuori Ciani con una finta, è il gol dell’1 a 1.

La partita praticamente finisce qui con la Lazio che fa entrare Floccari per gli ultimi disperati tentativi, ma ormai è troppo tardi per recuperare e la Lazio saluta mestamente e senza l’applauso dei tifosi il palcoscenico europeo. Nessuna italiana in semifinale, neanche in Europa League, un colpo pesantissimo al ranking UEFA.

Lazio (3-4-2-1): Marchetti; Biava (11′ st Klose), Cana, Ciani; Lulic, Hernanes, Ledesma, Radu; Candreva, Ederson (28′ st Floccari); Kozak (32′ st Rozzi). A disp.: Bizzarri, Gonzalez, Crecco, Cataldi. All.: Petkovic

Fenerbahce (4-2-3-1): Volkan; G. Gonul, Yobo, E. Korkmaz, Ziegler; Meireles, Selcuk Sahin; Kuyt, Cristian (28′ st Ucan), C. Erkin (42′ st Krasic); Webo (35′ st Mehmet Topuz).
A disp.: Mert, Bekir, Ali Kaldirim, Mehmet Topal. All.: Kocaman

Arbitro: Kralovec (Rep. Ceca)

Marcatori: 15′ st Lulic (L), 28′ st Erkin (F)

Ammoniti: Ziegler, Cristian, Erkin (F); Kozak, Lulic, Klose (L)