Inaugurato il Centro Sportivo “Mirko Fersini”

targa 2

Il Comune di Fiumicino si rende protagonista di una splendida iniziativa. Quest’oggi si è inaugurato il Centro Sportivo Mirko Fersini.

Fersini era un giovane difensore del 1995 e faceva parte degli Allievi Nazionali nella stagione 2011/12. Il 6 aprile di un anno fa è purtroppo vittima di un terribile incidente stradale avvenuto a Fiumicino mentre andava a tagliarsi i capelli prima della partenza per Rieti, dove la squadra Allievi Nazionali della Lazio, allenata da Simone Inzaghi, avrebbe dovuto partecipare al Memorial Manlio Scopigno. Il ragazzo perde il controllo del motorino e finisce contro un cassonetto della spazzatura ubicato lungo la strada. Immediatamente ricoverato all’Ospedale San Camillo di Roma le sue condizioni sono apparse subito gravissime a causa di un edema cerebrale non operabile. Purtroppo, dopo sei giorni di coma, il ragazzo muore la mattina del 12 aprile 2012.

Ad un anno esatto dalla scomparsa per ricordare il giovane campione il comune di Fiumicino ha deciso di comune accordo con la famiglia di dedicare il palazzetto dello sport alla memoria del ragazzo. Da quest’oggi, infatti, il Pala Mirko Fersini sarà il cuore sportivo del piccolo comune romano e sotto la targa del Centro si potrà leggere la dedica voluta dalla mamma del ragazzo:

“Un piccolo grande campione, un grande sorriso nella vita ed oltre la vita”

C’erano tutti all’inaugurazione: il papà, la mamma, il nonno e le sorelle di Mirko, la primavera della Ss Lazio, l’allenatore Bollini, quello degli allievi di Mirko, Simone Inzaghi, il team manager Manzini, Olympia, il simbolo della Lazio, Bruno Giordano, il sindaco Mario Canapini e il presidente del consiglio comunale, Mauro Gonnelli.

Le parole della mamma: “Quando ci incontrammo con il sindaco Canapini mi disse che voleva intitolare a Mirko un campo sportivo, perché lui era un calciatore. Ma a Fiumicino ci sono tre campi, tutti già dedicati. Allora abbiamo pensato al Palazzetto dello Sport. Hanno tutti subito detto di sì. Li ringrazio davvero di cuore”.

Commovente il minuto di silenzio chiesto dal presidente del consiglio comunale di Fiumicino, Mauro Gonnelli, rotto poi da un applauso scrosciante: “Per noi era doveroso. Lo abbiamo fatto per altri figli della nostra comunità, scomparsi tragicamente, Simone Costa, Matteo Forti. Vogliamo mantenere vivo il loro ricordo. La commozione che hanno suscitato Mirko, Simone e Matteo dimostrano i valori fondanti sui quali si identifica la nostra comunità.

Anche l’allenatore degli allievi, Simone Inzaghi, ha voluto ricordare il suo campioncino: “È  un’iniziativa bellissima del Comune di Fiumicino. Mirko è sempre vivo, sempre qui con noi. Noi anche come Lazio ci siamo mossi, intitolandogli il campo di Formello. Sono piccole cose che aiutano la famiglia, anche se sappiamo quanto può essere grande il dolore per la scomparsa di un figlio. Mirko aveva grandissimi valori. Vedere oggi tanti giovani qui con la tuta della Lazio è motivo di grande orgoglio”.