Rosso Comunista, la Ferrari affila gli artigli

CONDIVIDIShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on RedditShare on StumbleUpon

2757

E’ un venerdì positivo quello della Ferrari che, in quel di Shangai, mette due piloti nelle prime tre posizioni al termine del secondo turno di prove libere.

E’ il brasiliano Felipe Massa a stampare il tempo migliore della giornata, fermando il cronometro sull’1’35”340, e distanziando il finlandese Kimi Raikkonen di poco più di un decimo, terzo l’altro ferrarista Fernando Alonso.

Il trend portato avanti da Massa, e da tutta la squadra in generale, è molto positivo, andando a spulciare i giri in sequenza si può vedere che entrambi i piloti in rosso hanno inanellato una buona serie di giri in crescendo e su ritmi abbastanza sostenuti, facendo pensare ad un passo gara molto performante.

Tra le due Rosse si piazza “IceMan” che con una macchina molto equilibrata riesce a dire sempre la sua in qualifica, non riuscendo, per ora, però a riconfermarsi in gara, dove la sua monoposto consuma in maniera famelica le gomme,  lasciandolo senza trazione proprio sul più bello.

In apparente difficoltà è il pilota campione del mondo Sebastian Vettel che, dopo le polemiche sul sorpasso fraticida a carico di Webber, è chiamato ad un atto di forza in casa Red Bull per evitare nuovi ordini di scuderia con conseguenti polemiche. Webber non è della stessa idea, ed ha infatti distanziato il biondo tedesco sia nella prima che nella seconda manche.

Sempre in posizioni di rincalzo le due Mercedes, che non sembrano ancora aver avuto quel salto di qualità che ci si aspettava con l’arrivo di Hamilton, che infatti si piazza dietro al compagno di squadra Rosberg.

In risalita, seppur molto lenta, la McLaren che, con Jenson Button, mostra timidi segni di vita, i quali non si addicono per nulla alla nobile storia della squadra inglese, da sempre abituata a soggiornare ai piani alti della graduatoria.

Dopo le due manche è già possibile dire che, imprevisti a parte, le due Ferrari riusciranno a dire la loro ma di certo non saranno da sole, poiché ci si aspetta un acuto dalle due Red Bull che in qualifica sono solite esibire prestazioni esaltanti. Unica incognita, le gomme. Sia in casa Red Bull che in casa Ferrari aumentano le preoccupazioni in vista della gara.

Domani alle ore 14.00 si vedrà quale squadra saprà meglio interpretare tutte le variabili in gioco.

 

1.F. Massa Ferrari, tempo 1:35.340

2.K. Raikkonen Lotus Renault, tempo 1:35.492 0.152

3.F. Alonso Ferrari, tempo 1:35.755 0.415

4. N.Rosberg Mercedes Mercedes, tempo 1:35.819 0.479

5. M.Webber Red Bull Renault, tempo 1:36.092 0.752

6. J.Button McLaren Mercedes, tempo 1:36.432 1.092

7. L.Hamilton Mercedes Mercedes, tempo 1:36.496 1.156

8. A.Sutil Force India Mercedes, tempo 1:36.514 1.174

9. P.di Resta Force India Mercedes, tempo 1:36.595 1.255

10. S.Vettel Red Bull Renault, tempo 1:36.791 1.451

11. S.Perez McLaren Mercedes, tempo 1:36.940 1.600

12. R.Grosjean Lotus Renault, tempo 1:36.963 1.623

13. E. Gutierrez Sauber Ferrari, tempo 1:37.103 1.763

14. D.Ricciardo Toro Rosso Ferrari, tempo 1:37.206 1.866

15. J.Vergne Toro Rosso Ferrari, tempo 1:38.127 2.787

16. V.Bottas Williams Renault, tempo 1:38.185 2.845

17. N.Hulkenberg Sauber Ferrari, tempo 1:38.211 2.871

18. P.Maldonado Williams Renault, tempo 1:38.276 2.936

19. J. Bianchi Marussia Cosworth, tempo 1:38.725 3.385

20. G.Garde Caterham Renault, tempo 1:39.271 3.931

21. C.Pic Caterham Renault, tempo 1:39.814 4.474

22. M.Chilton Marussia Cosworth, tempo 1:43.227 7.887

 

 

 

CONDIVIDIShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on RedditShare on StumbleUpon