Vettel d’Arabia

120421033008-f1-vettel-qualifying-bahrain-story-top

Gran Premio del Bahrain che più nero non poteva essere per le Ferrari e per Fernando Alonso. Il campione spagnolo nei primi giri ha dovuto effettuare due pit stop a breve distanza, che lo hanno condizionato per tutta la gara. A quanto pare l’ala mobile ha deciso di fare le bizze e tutta la gara dell’alfiere Ferrari ne è stata condizionata.

Sebastian Vettel sovverte tutti i pronostici pre-gara e domina la gara nettamente, mettendosi tutti dietro, e non dando mai l’idea di poter cedere lo scettro. L’unico pilota a poter porre una, seppur debole resistenza, è stato Kimi Raikkonen che si è classificato in seconda posizione, girando però sempre lontano dalla vetta. A dimostrazione della bontà del progetto Lotus c’è il terzo gradino del podio, conquistato da Romain Grosjean. A dimostrazione che il Gran Premio del Bahrain sia una gara strana e dalla difficile interpretazione è il quarto posto della Force India di Paul Di Resta, che precede Gino Hamilton, Sergio Perez, Webber e il già citato Alonso, tutti e quattro racchiusi in 2 secondi. Chiudono la top ten Rosberg e Button. Solo quindicesimo Massa, superato addirittura da Bottas della Williams. Unico ritirato Vergne.
Si era partiti con la netta convinzione che sia le Ferrari che le Mercedes potessero dire la loro e fare una gara gagliarda e d’attacco, con una Red Bull relegata alla difesa, e invece la realtà dei fatti è stata ben altra. Vettel almeno riconferma la sua capacità di interpretare bene le gare in cui è sfavorito e sa soffrire quando si deve. Alonso paga spesso colpe non sue, anche stavolta un malfunzionamento e una errata strategia dal muretto lo condannano all’oblio. Solita gara discreta di Raikkonen, che con i suoi piazzamenti si sta costruendo un discreto bottino di punti.

L’appuntamento è fra 3 settimane a Barcellona per il Gran Premio di Spagna, speriamo che l’aria di casa faccia bene a Nando e che le cose comincino a girare come si deve.

pilota | auto | giri
1 1 Sebastian Vettel Red Bull/Renault 57
2 7 Kimi Räikkönen Lotus/Renault 57
3 8 Romain Grosjean Lotus/Renault 57
4 14 Paul Di Resta Force India/Mercedes 57
5 10 Lewis Hamilton Mercedes 57
6 6 Sergio Pérez McLaren/Mercedes 57
7 2 Mark Webber Red Bull/Renault 57
8 3 Fernando Alonso Ferrari 57
9 9 Nico Rosberg Mercedes 57
10 5 Jenson Button McLaren/Mercedes 57
11 16 Pastor Maldonado Williams/Renault 57
12 11 Nico Hülkenberg Sauber/Ferrari 57
13 15 Adrian Sutil Force India/Mercedes 57
14 17 Valtteri Bottas Williams/Renault 57
15 4 Felipe Massa Ferrari 57
16 19 Daniel Ricciardo Toro Rosso/Ferrari 56 1 Giro
17 20 Charles Pic Caterham/Renault 56 1 Giro
18 12 E.Gutiérrez Sauber/Ferrari 56 1 Giro
19 22 Jules Bianchi Marussia/Cosworth 56 1 Giro
20 23 Max Chilton Marussia/Cosworth 56 1 Giro
21 21 G.van der Garde Caterham/Renault 55 2 Giri