Mario Sconcerti: “Se fossi la Juve, prenderei Ibrahimovic”

sconcerti
Ai microfoni di Napolipress è intervenuto Mario Sconcerti sulla situazione attuale del calcio italiano ed in particolare un bilancio di fine stagione della squadra azzurra.
 Ecco quanto evidenziato dalla Redazione di MaidireCalcio:

Oggi Cavani è stato accostato al Psg, ieri al Real. Ci sono tutti i presupposti che il Matador vada via da Napoli?

Se c’è una squadra disposta a pagare la clausola, penso che Cavani andrà via. Poi dipenderà anche dal giocatore se vuole rimanere o non vuole rimanere, ma ripeto se c’è chi paga la clausola credo che il Matador se ne vada.

Anche Mazzarri è stato accostato alla Roma e all’Inter, il mister toscano avrebbe potuto fare di più con la rosa a disposizione oppure può essere promosso a pieni voti? Credo che Mazzarri abbia fatto un lavoro straordinario. Il Napoli al secondo posto con questo tipo di squadra, quindi ha fatto il massimo. Ma sono già alcuni anni che sta facendo grandi cose sulla panchina azzurra.

Meglio trattenere Mazzarri o Cavani? Si possono trattenere entrambi se ci sono possibilità.

Se De Laurentiis dovesse scegliere? Da Cavani prende 70 milioni, da Mazzarri non prende niente… non sono paragonabili. Sono due elementi che fanno parte di un percorso diverso.

Lavezzi a Milano. Ci sono concrete possibilità che il Pocho ritorni in Italia? Il prezzo che è stato pagato l’anno scorso, ora noi non ce lo possiamo permettere. Dipende dalle esigenze di mercato del Paris Saint Germain: se cerca 35 milioni, qui non li trova. Bisogna aspettare.

Ormai i giochi sono fatti: Juventus con campione d’italia, fuori dalla Champions… i dirigenti bianconeri già pensano al futuro. Arriverà sicuramente Llorente dall’Atletico Bilbao… Chi prenderebbe per costruire ancora di più una squadra forte per vincere anche in campo europeo?

Io prenderei due giocatori del livello di Ibrahimovic, almeno uno. E in più un centrocampista. La Juve ha avuto la fortuna che non si sono stati infortunati, ma pur giocando in un centrocampo a tre ha avuto solo quattro giocatori. Prenderei gente forte come Ibrahimovic, Falcao, Van Persie.

Per colmare il gap con le altre squadre europee, allora c’è bisogno di grandi calciatori?

Assolutamente sì. Quello che ha mostrato la Champions è che la Juventus ha grandi calciatori, ma da altre parti. Non ha grandi attaccanti.

Cosa occorre affinché il calcio italiano possa competere con quello europeo?

Attualmente il calcio italiano non è competitivo. Poi Bisogna vedere anche il mercato estivo, ma c’è bisogna avere la forza di competere economicamente per avere grandi calciatori.

Questione puramente economica? Assolutamente si, è sempre un problema economico. Come sempre!

 

fonte: http://www.napolipress.net/index.php?id=6179

About The Author



Studente di “Comunicazione Audiovisiva” all’Università degli Studi di Salerno. Sogna di diventare un giornalista sportivo professionista. Redattore anche per pianetanapoli.it