Montella: “Osvaldo alla Fiorentina? Costa poco…”

CONDIVIDIShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on RedditShare on StumbleUpon

montella

Le dichiarazioni di Vincenzo Montella alla vigilia di Fiorentina-Roma

ANDREAZZOLI- E’ una brava persona, molto competente. Lo stimo molto e come collaboratore nella mia breve parentesi in giallorosso è stato molto preziosi.Si vede che la squadra pensa a cosa fare in entrambe le fasi. Probabilmente pone più attenzioni su entrambe le frasi rispetto a quando c’era Zeman.

JOVETIC- Sta giocando in un ruolo che in prospettiva può diventare suo ma che ancora non è completamente nel suo DNA. A Genova si è trovato in grado di segnare se i suoi compagni lo avessero servito. Domani comunque mi aspetto sempre qualcosa di più.

ROMA- Per la Roma ho grande affetto, ho vissuto un periodo molto felice e in società ho amici. Per me non può essere una partita come le altre. Se vinciamo poi avremmo quasi la certezza dell’Europa League e sarebbe un risultato importante anche in chiave terzo posto. Non posso giudicare il cammino o le ambizioni della Roma essendo fuori dall’ambiente. Le mie frasi verrebbero strumentalizzate.

TOTTI- Non ci siamo sentiti. E’ un giocatore molto particolare, ma in questo Lamela sta bene e forse anche Osvaldo.

OSVALDO ALLA FIORENTINA- Per ché costa poco… o dovrebbe costare poco..

MILAN- Noi prima dobbiamo consolidare l’Europa League e domani sarà decisiva. Poi vedremo il resto. Il Milan ha dalla sua l’ambiente e i giocatori per competere per certi traguardi. Noi abbiamo la spensieratezza e la leggerezza. La squadra sta bene, vive bene questo momento e domani anche il pubblico ci darà una mano con il suo entusiasmo contagioso.

ANTICIPO- Secondo me non cambia niente. Se vinciamo noi poi il problema è loro. Sono situazioni che nel calcio moderno sono abituali e vanno capite e accettate.

LJAJIC-JOVETIC- Credo che sia sbagliato fare dei paragoni. Ognuno deve fare il suo percorso. Ljajic ha le stigmate da grandissimo giocatore ma per essere considerati tali c’è bisogno di tempo e continuità. Solo il tempo potrà dire se un giocatore è un campione o un aspirante tale.  Dovrà pensare bene al proprio futuro. Secondo me la sua sistemazione ideale per crescere ancora è quella della Fiorentina. Forse lui ha più bisogno della Fiorentina più di quanto la squadra ha bisogno di lui.

CUADRADO- Sta bene, gioca bene. Sta crescendo molto, è un generoso e i compagni conoscono questa sua dote.

BORGONOVO- Lo ringrazio moltissimo, ci relazioniamo spesso via mail anche per capire se possiamo organizzare una partita per raccogliere fondi a favore della sua fondazione”.

CONDIVIDIShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on RedditShare on StumbleUpon

About The Author



Studente di “Comunicazione Audiovisiva” all’Università degli Studi di Salerno. Sogna di diventare un giornalista sportivo professionista. Redattore anche per pianetanapoli.it