Etiopia dal sogno all’incubo. Fuori dai Mondiali per una squalifica

beyene

Cancellare con un colpo di spugna un risultato storico, un traguardo che un popolo intero aspettava da anni. Per una Nazionale che non vince un trofeo dal 1962 vedersi annullata la possibilità di partecipare ai prossimi mondiali di Brasile 2014 dev’essere stata più di una doccia fredda.

Eppure l’Etiopia aveva meritato sul campo il diritto di partecipare ai playoff validi per ottenere quell’ambito posto. La vittoria contro il Sudafrica quasi un mese fa aveva acceso l’entusiasmo in tutto il Paese, sopito e spento dopo sole 24 ore.

All’indomani della vittoria storica contro i Bafana Bafana la Fifa ha dato avvio ad un’inchiesta su uno dei giocatori etiopi, Beyene. I dubbi  derivavano dal fatto che probabilmente quel giocatore, squalificato, non poteva scendere in campo contro il Botswana lo scorso 8 giugno.

Oggi è arrivato l’amaro verdetto. Multa di 6.000 franchi svizzeri e sconfitta per 3-0 a tavolino: è questa la sanzione. Con questi 3 punti in meno il Sudafrica scavalca i Leoni Neri e si qualificano ai playoff.

Il presidente della Ethiopian Football Federation Sehilu Gebremariam ha parlato di “una notizia scioccante”. Una gloria sportiva soffocata proprio sul più bello, l’ennesima beffa per una Nazionale che dovrà tornare a sperare dopo aver accarezzato per una giornata il sogno mondiale.