Atletica, Tyson Gay positivo al doping: niente Mondiali

atleticatyson

Il mondo dell’atletica leggera oggi si è svegliato veramente male, appresa la notizia che uno dei migliori velocisti in circolazione sulla terra è stato trovato positivo ai controlli antidoping del 16 maggio.

Tyson Gay si stava allenando in Olanda, ad Amsterdam, per prepararsi agli attesissimi mondiali moscoviti di agosto, quando gli è arrivata la brutta notizia: positivo ad una sostanza che l’Usada non ha ancora rivelato. Demoralizzato, l’americano ha così commentato: “Non so come sia potuto succedere, non ho fatto nulla di male. Anche se escludo il sabotaggio, evidentemente mi sono fidato di una persona sbagliata che mi ha tradito, ma la mia storia è pulita. Aspetto le controanalisi“.

Crollano i suoi sogni e le sue speranze. Nel 2013 stava facendo una delle sue stagione migliori, così in forma da sembrare l’atleta eccezionale del 2007, quando ad Osaka vinse tre ori, di problemi fisici non ne aveva  e la minaccia di Bolt era ancora lontana. Minaccia che Gay stava affrontando e ultimamente aveva battuto. Suo il record stagionale di 9,75” sui 100, che i giamaicani gli invidiano tutt’ora. Ma ora sarà estromesso sia dalle gare di Monaco che dai Mondiali di Mosca e dovrà rinunciare alla contesa con Bolt.