L’addio al Giak, il benvenuto ad Ogbonna, le doppie sedute

Juventus-Chatillon-2013-tevez-ogbonna-llorente-1024x682

 

Con Marotta e Paratici che, almeno in apparenza si sono concessi un paio di giorni di riposo dal mercato, le novità della società campione d’Italia riguardano soprattutto le cessioni e il ritiro di Chatillon.

Dopo la sveglia e l’abbondante colazione i ragazzi di Mr. Conte si sono riuniti in campo e alle 10:00 in punto hanno dato il via al primo allenamento mattutino.

Il riscaldamento gestito interamente dal preparatore Costantino Coratti, si conclude in circa quindici minuti di corsa ed esercizi. Bagno di folla per i giocatori, il più gettonato, soprattutto dai bambini sembra essere Arturo Vidal.

Dopo un lungo torello via i tacchetti e su le scarpe da ginnastica, ora si corre sul serio! Mentre Pepe e Marrone lavorano a parte iniziano le prime ripetute mattutine. Vidal, Llorente, Peluso, Motta e De Ceglie i primi a partire. Seguono Lichtsteiner, Asamoah, Quagliarella, Padoin e Isla poi Vucinic, Tevez, Ogbonna e Matri. Chiudono i primavera, per nulla intimoriti. Tempi alla mano Llorente è il più veloce, seguono Vidal, Motta e De Ceglie.

Sembra un massacro, quasi un’ora di ripetute, inframezzate da pochi secondi di pausa. Vucinic, che aveva iniziato con un gran passo, è stremato, si accascia al suolo ed impreca. I tifosi ci scherzano su: “Chiamate l’ambulanza!”.

Ore 11:35 finite le ripetute. Inizia lo stretching e i portieri entrano in campo. Terminata la fase di scioglimento si chiude la seduta mattutina. Rientrano tutti tranne i portieri che lavorano con Filippi. Tevez, seppur stremato, si ferma a firmare autografi. Stoico.

La società bianconera intanto scrive su juventus.com che per vedere il pallone si dovrà aspettare il pomeriggio, la mattina a Chatillon, si “mette benzina”, i giocatori ringraziano.

Il mister conferma che la squadra, in campo oggi alle 16:30 si occupa di lavoro tattico. L’allenamento sarà aperto ai media a partire dalle 17:30.

Annunciata per le 14:00 la prima conferenza di Angelo Ogbonna in veste di giocatore della Juventus. A seguire uno stralcio.

Juventus: “La mia fortuna è che non leggo i giornali. Non è vero, mi son trovato bene con i miei nuovi compagni. Li conoscevo quasi tutti. Sono molto orgoglioso, gioco in una delle società più importanti al mondo.”

Le altre possibilità: “L’unica società che mi ha voluto fortemente è stata la Juventus. Ribadisco, è una delle società più grandi, per me un’opportunità per crescere.”

L’ accoglienza dei tifosi juventini: “Ho sensazioni positive, anche mister e compagni mi hanno accolto bene. Non è che mi sia impressionato più di tanto.”

Torino: “Guardo sempre al presente e al futuro. Non mi ritengo un traditore, sono un professionista e il mio cuore è legato al calcio. Penso che tutti ambiscano ai livelli più alti. Penso sia stata l’ambizione a portarmi qui.”

Spazio che potrà trovare alla Juventus: “Ci sono tanti campioni, il mio compito è quello di mettermi a servizio dei compagni e del mister, cercando di ritagliarmi il mio spazio. Poi deciderà il campo.”

Derby Torino-Juventus: “Sarà una gara importante. Cercherò di mettere sempre in difficoltà le squadre che affronterò.”

Gli ex compagni: “Mi sono lasciato bene con loro e con il mister. Nella vita come nel calcio penso sia giusto che prevalga il rispetto.”

Gli obiettivi: “Il primo obiettivo è quello di vincere la Supercoppa. Poi cercare di vincere il campionato e la terza stella. In Champions ci sono squadre forti, dovremo quindi arrivare preparati.”

Su Tevez e Llorente: “Due giocatori forti ma diversi. Siamo ancora ai primi giorni, dare un giudizio è difficile.”

La nazionale: “Non mi sono sentito con Prandelli. Non ho paura di perdere il Mondiale, altrimenti non sarei qua. Il tempo parlerà.”

Con chi ha legato di più: “Ho un buon rapporto con tutti, anche con Pepe. E’ il simpatico del gruppo.”

L’infortunio della stagione passata: “E’ una cosa superata, mi sono operato subito, per adesso va tutto bene. Sento la fatica, ma non per il dolore.”

Dal sito della Juve inoltre è da poco arrivata l’ufficialità riguardo al passaggio di Emanuele Giaccherini al Sunderland. Ecco il comunicato ufficiale:

Torino, 16 Luglio 2013 – Juventus Football Club comunica di aver perfezionato l’accordo con la società The Sunderland Association Football Club Limited per la cessione a titolo definitivo del diritto alle prestazioni sportive del calciatore Emanuele Giaccherini per un importo di € 7.5 milioni pagabili in tre anni. Tale operazione genera nell’esercizio 2013/2014 una plusvalenza di circa € 3 milioni.

In attesa delle altre cessioni (Melo vicino più che mai al Galatasaray) auguriamo ad Emanuele ogni fortuna nella sua avventura inglese. I tifosi juventini difficilmente scorderanno il goal contro il Catania e l’impegno sempre profuso dal centrocampista che dal suo profilo facebook ha voluto mandare un suo personale saluto ai tifosi juventini: “Lascio con voi tantissimi bellissimi ricordi…faro sempre il tifo per voi…FINO ALLA FINE FORZA JUVENTUSSSS!!!”

Ciao Giak!