Monaco, Claudio Ranieri è già messo in discussione?

ranieri monaco

Fortuna Dusseldorf 3 Monaco 2, Augusta 1 Monaco 0. Sono bastate le prime due amichevoli stagionali per mettere in discussione la posizione del tecnico Claudio Ranieri alla guida del Monaco.

L’ex allenatore di Chelsea e Roma non convince Dmitrij Rybolovlev che dopo aver speso 144 milioni di euro per comprare Toulalan, Falcao, Rodriguez e Moutinho, più i giovani e costosi (in tutto 9 milioni) Isimat-Mirin e Martial e gli svincolati Abidal, Carvalho e Monachello, ha tutto il diritto di pensare in grande e puntare al campionato.

Ma l’allenatore italiano non la pensa così e all’Equipe cerca di frenare le ambizioni del proprietario russo: “E’ troppo presto per dire se possiamo competere col PSG; anche Lione e Marsiglia assomigliano di più a delle squadre rispetto a noi. Ho bisogno di tempo, sarà difficile vincere il titolo già questa stagione. Per me la cosa più importante è provare a costruire il miglior gruppo possibile”.

Dichiarazioni che non sono piaciute alla società e che unite alle due sconfitte subite in amichevole non favoriscono la posizione di Claudio Ranieri che potrebbe rivivere la stessa esperienza vissuta al Chelsea. Piombò a Stamford Bridge il ricchissimo Roman Abramovich che cominciò a spendere e spandere sotto la supervisione del tecnico che venne silurato dopo poche partite.

Le dimissioni di Guus Hiddink dalla panchina dell’Anzhi hanno stimolato la proprietà russa, e in Francia si fa pure il nome di Roberto Mancini, da poco senza squadra e già desideroso di rimettersi in gioco. Ieri il Monaco ha finalmente vinto, 3-0 in amichevole contro il Leicester (ancora Falcao in gol), e il 10 agosto comincia la Ligue 1, per i monegaschi subito trasferta insidiosa a Bordeaux, ma tutto lascia presagire che sarà già una partita decisiva per il tecnico di Testaccio.