Abodi conferma il progetto playoff allargati per la serie B

 abodi

Cambio in vista nella serie cadetta. Al termine dell’Assemblea di Lega è stata progettata la nuova struttura dei playoff che dovrà essere approvata nelle prossime 24 ore. Si tratta di playoff allargati a più squadre per alimentare il sogno della serie A

Il presidente della Lega serie B, Andrea Abodi, al termine dell’assemblea di lega odierna in via Rosellini a Milano, ha parlato della modifica:

“Abbiamo approvato tutto, il tema forte erano i play off, allargando la prospettiva del sogno e non alimentare la prospettiva dell’incubo, I play out restano fermi così mentre per i play off abbiamo inviato la formula che il consiglio ha scelto. Tutto dovrà essere approvato dalla Federazione nelle prossime 24 ore per l’inizio del campionato. Una modifica di format con un presupposto: limitare partite con scarso significato e introdurre criteri che limitassero il distacco di punti tra la terza e le altre squadre. Un perimetro che permette di partecipare ai play off a più di quattro squadre. La formula sarà sempre scontri diretti, nessun girone. Resterà invece il limite tra terza e quarta squadra, fissato a 9 punti per i play off e 5 punti per i play out. Non è uno stravolgimento ma un arricchimento che renderebbe più spettacolare la serie B”.

Sulla partnership con Eurobet, il presidente Abodi ha dichiarato: “Con Eurobet vogliamo rilanciare il modo diverso di relazionarci con il bacino d’utenza, con gli scommettitori. Mi piacerebbe che fosse ristrutturato il totocalcio, ripensandolo nella sua meccanica per renderlo più attraente. Lavorando sugli aspetti emotivi e della memoria. Mi piacerebbe recuperare il Totocalcio”.

– Per Eurobet la serie B rappresenta il secondo mercato economico dopo la serie A, viene prima di Liga, Bundesliga, Premier League e gli altri campionati stranieri. Nei prossimi 12 mesi Eurobet ha in programma l’apertura di altri 500 punti per scommettitori in tutto il territorio italiano.

– Il principio che la Lega serie B porta avanti è che i giocatori si impegneranno in un giuramento nelle prime due giornate di campionato in cui affermeranno di non poter scommettere né in Italia né in nessun altro paese al mondo.