Torino – Milan 2-2: rimonta del Milan nel giorno di Kakà

kakà

Nel giorno del grande ritorno di Kakà il Milan riesce a recuperare una partita messa male, anzi malissimo, e porta a casa un punto d’oro.

Primo tempo complicato, partita equilibrata con il Torino che cresce nella seconda metà. Cerci, uomo chiave del Torino, dimostra la solita intraprendenza, nonostante il nuovo ruolo di secondo punta non gli è consono come il ruolo d’esterno, l’attesissimo Kakà invece si ritrova spesso a prender palla a centrocampo e ad impostare il gioco da lontano, ma fa vedere un’ottima condizione fisica.

I sospetti lasciati dalla chiusura del primo tempo diventano realtà quando, dopo neanche 2 minuti di ripresa, al 47′, il Torino imbastisce una buona azione, e il solito Cerci serve un ottimo assist a D’Ambrosio, il laterale della squadra di Ventura stoppa con il sinistro, riesce a smarcarsi bene e tira una rasoiata imprendibile sul primo palo. Abbiati battuto ed 1-0 Torino.

La ripresa diventa quindi più interessante, le squadre diventano più lunghe, il match divertente, il Milan deve per forza attaccare per cercare di pareggiare ma con un Balotelli in giornata decisamente negativa non ci riesce. Così, appena Kakà esce dal campo per lasciare il posto a Birsa, il Torino raddoppia con un’azione in solitaria del migliore in campo, Alessio Cerci, è il 71′ e il Torino esulta. Il Milan furioso cerca di recuperare subito la partita, e dopo due minuti Balotelli va vicinissimo al 2-1 con una grande giocata, ma Padelli si impone con un grande parata.

All’87’ al termine di una confusa azione, con sospetta posizione di fuorigioco di Balotelli, il Milan accorcia le distanze con Muntari. Al 93′ però, quando sembrava tutto finito, il Milan con caparbietà attacca, Poli si inserisce in area, guadagnando un rigore per un intervento scomposto di Pasquale. Sul dischetto va come sempre Balotelli che non sbaglia, e porta a casa il clamoroso pareggio.

Subito dopo la fine della partita grandissime polemiche, con il Toro che si lamenta per i due gol del Milan, il primo con dubbio fuorigioco e il secondo con un rigore che a dir la verità è più che netto, ma è scaturito da un’azione in cui il Torino chiedeva il cambio per l’infortunio di Larrondo.

TABELLINO

TORINO (3-5-2): Padelli; Glik, Bovo, Moretti; Darmian, Brighi, Vives, El Kaddouri, D’Ambrosio (Pasquale dal 35′ st); Cerci (Larrondo dal 31′ st e dal 45′ + 4′ st Farnerud), Immobile.
A disposizione: Gomis, Berni, Basha, Farnerud, Maksimovic, Scaglia, Bellomo, Meggiorini.
Allenatore: Ventura.

MILAN (4-3-1-2): Abbiati; Zaccardo, Mexes, Zapata, Emanuelson; Montolivo (Poli dal 45′ + 1′ pt), De Jong, Muntari; Kakà (Birsa dal 25′ st); Balotelli, Robinho (Matri dal 13′ st).
A disposizione: Amelia, Coppola, Birsa, Constant, Nocerino, Cristante, Vergara.
Allenatore: Allegri.

Marcatori: D’Ambrosio (T) al 2′ st, Cerci (T) al 26′ st, Muntari (M) al 42′ st, Balotelli su rigore (M) al 45′ + 4′ st.
Ammonizioni: Zapata (M) per gioco scorretto, El Kaddouri (T) per gioco scorretto, Poli (M) per proteste, Glik (T) per proteste.
Espulsioni: nessuno.
Arbitro: Massa (sez. CAN di Imperia).
Recuperi: 1′ + 4′.
Spettatori: Circa 23.000.