Copenaghen Juventus, pareggio amaro per i bianconeri in terra danese

215450081-e0b5273c-4ce4-46be-bba9-7390c56d4f7e

L’avventura in Europa della Juventus non si apre nel migliore dei modi, con gli uomini di Conte che pareggiano contro il Copenaghen sprecando tantissime occasioni sotto porta.

La partita inzia stranamente in equilibrio, con i padroni di casa che non lasciano spazio ad una Juve diversa dal solito, contratta e senza le idee giuste per arrivare nell’area avversaria. Subito al 14′ i danesi passano in vantaggio con un goal di Jorgensen che approfitta di una distrazione della difesa juventina apparsa sottotono e imprecisa nei disimpegni. Dopo il vantaggio del Copenaghen, i bianconeri non riescono a dare la scossa necessaria alla partita, ma arrivano vicini al goal due volte. In entrambi i casi il portiere nega il pareggio agli ospiti, nello specifico prima a Chiellini e poi a Pogba, increduli di fronte alle ‘magie’ di Wiland.

All’inizio del secondo tempo la Juventus comincia a guadagnare campo, arrivando sempre con più continuità nei pressi dell’area avversaria ma senza creare troppi problemi all’estremo difensore danese, sicuramente migliore in campo. Con il passare dei minuti il Copenaghen resta sempre più schiacciato nella sua metà campo e gli uomini di Conte riescono a trovare il pareggio al 54′ con Quagliarella, un fantasma fino a quel momento ma sempre freddo nei momenti topici della gara. Dopo il pareggio continuano le azioni insistite dei bianconeri, che ci provano soprattutto sulle ali non riuscendo però ad essere davvero incisive per trovare il tanto sperato vantaggio. Tevez è uno dei pochi a fornire una prestazione decente, mettendosi a disposizione e lottando su ogni pallone, non riuscendo però a concretizzare le tante azioni che hanno portato gli Italiani vicino alla porta avversaria.

Una partita non troppo emozionante si chiude con il punteggio di 1-1 con la Juventus che delude e porta a casa solo un punto, restando indietro rispetto al Real Madrid che ha letteralmente distrutto il Galatasaray.