Roma forza 7, i numeri la decretano vincitrice

roma

Una Roma bella e cinica espugna San Siro, schiantando l’Inter con un secco 3-0. Stavolta non parleremo di quanto sia fenomenale Francesco Totti (230 gol in Serie A, eterno), ne di quanto sia letale Florenzi, ne di quanto sia un maestro della tattica Rudi Garcia. Quello che conta è il risultato, e i giallorossi hanno totalizzato 7 vittorie in 7 partite: prima di loro, nella storia, solo 7 squadre ci sono riuscite, e 6 di queste hanno vinto il titolo a fine stagione.

JUVENTUS 1930/31

La Juventus ’30/’31 ha totalizzato 8 vittorie consecutive (Pro Patria, Milan, Casale, Pro Vercelli, Roma, Genova, Alessandria e Legnano, per poi fermarsi contro il Napoli), 21 gol fatti e 6 subiti nelle prime 7 giornate. Di quella Juventus c’è un giocatore che viene tuttora ricordato molto spesso: l’oriundo Renato Cesarini, mezzala che ha dato il nome alla famosissima “zona Cesarini” per la sua attitudine a segnare gol nei minuti di recupero. Campionato concluso a 55 punti, 4 di vantaggio sulla Roma seconda.

MILAN 1954/55

La seconda squadra ad ottenere un risultato simile è stata il Milan, che è stato fermato all’8° giornata dall’Inter dopo la striscia di vittorie contro Triestina, Sampdoria, Atalanta, Catania, Napoli, Torino e Bologna. Per i rossoneri, in cui militavano il bomber Nordahl (225 gol in A, recentemente superato da un certo Francesco Totti) e Nils Liedholm, ironia della sorte indimenticato mister della Roma, 21 gol fatti e 4 subiti nelle prime 7. Concluderanno il campionato a 48 punti, 4 più dell’Udinese.

INTER 1966/67

7 vittorie nelle prime 7 anche per la grande Inter di Herrera, che viene bloccata dalla Roma sullo 0-0 dopo le vittorie contro Foggia, Vicenza, Atalanta, SPAL, Lecco, Brescia e Torino, segnando 18 reti e subendone appena 1. Annus horribilis tuttavia per i nerazzurri di Mazzola e Facchetti, che perderanno la Coppa Campioni in finale con il Celtic per poi vedersi beffare all’ultima di campionato dalla Juventus e finire la stagione 1 punto sotto i bianconeri, a 48 punti.

JUVENTUS 1976/77

Arriviamo più vicini ai nostri tempi, e troviamo la Juventus guidata da Trapattoni che ha dato l’ossatura alla Nazionale di Spagna ’82: grandi nomi come Zoff, Gentile, Scirea, Tardelli, ma anche onesti gregari come Benetti e l’attuale allenatore del Genoa Gasperini. Dopo le vittorie contro Lazio, Genoa, Foggia, Catanzaro, Milan, Verona e Cesena i bianconeri hanno perso per 2-0 il derby della Mole, chiudendo la striscia con 14 gol fatti e 5 subiti. Sarà proprio il Toro a contendergli lo Scudetto, ma nonostante il capocannoniere granata Ciccio Graziani (21 reti) i bianconeri hanno vinto lo Scudetto con 51 punti, 1 in più degli odiati rivali.

JUVENTUS 1985/86

Sarà di nuovo la Juventus a vincerne 7 di fila (arriverà ad 8 come nel ’30/’31, vincendo contro Avellino, Como, Pisa, Verona, Atalanta, Torino, Bari e Udinese, per poi impattare, ironia della sorte, di nuovo contro il Napoli di Maradona), con 14 gol fatti e 2 subiti. A maggio la squadra di Platini si assicurerà il tricolore con 4 punti di vantaggio sulla Roma, nonostante il titolo di capocannoniere vinto da Roberto Pruzzo con 19 reti.

MILAN 1992/93

Di nuovo gloria per il Milan, che con alla guida Fabio Capello, vincerà contro Foggia, Pescara, Atalanta, Sampdoria, Fiorentina, Lazio e Parma, non riuscendo poi ad andare oltre lo 0-0 col Torino e chiudendo la striscia con 24 gol fatti e 11 subiti, miglior attacco e peggior difesa di questa classifica. Era lo stellare Milan di Baresi e Maldini, ma soprattutto degli olandesi Gullit e Rijkaard e del fenomeno Van Basten, che disputerà l’ultima partita della sua carriera in questa stagione, nella finale di Coppa Campioni persa col Marsiglia. I rossoneri chiuderanno la stagione a 50 punti, 4 in più dei cugini dell’Inter.

JUVENTUS 2005/06

La serie più lunga appartiene attualmente alla Juventus di Fabio Capello: con l’allenatore friulano i bianconeri ottennero 9 vittorie consecutive (Chievo, Empoli, Ascoli, Udinese, Parma, Inter, Messina, Lecce e Sampdoria, prima sconfitta col Milan per 3-1 alla decima), segnando 13 reti e subendone 2. Il campionato terminerà con il noto scandalo di Calciopoli: i bianconeri arrivarono primi, ma nonostante i 91 punti conquistati a fine stagione (+3 sul Milan), vennero retrocessi in Serie B.

ROMA 2013/14

La squadra di Rudi Garcia si aggiunge a questo storica classifica: le vittorie contro Livorno, Verona, Parma, Lazio, Sampdoria, Bologna e Inter, con 20 gol fatti e 1 subito, la proiettano di diritto nella storia. Nella storia del nostro campionato 6 volte su 7 la squadra capace di un tale exploit è giunta alla vittoria finale, adesso tocca al mister francese fare da pompiere sugli entusiasmi per mantenere la squadra sulla via dello Scudetto.