Befera (dir. Agenzia delle Entrate): “Messi evasore ideale”

Messi

Attilio Befera, direttore dell’Agenzia delle Entrate, è stato intervistato da Giovanni Minoli su Radio 24. Il tema principale è stato l’evasione fiscale:

“Ci sono vari tipi di evasione, noi cerchiamo di combatterli tutti con la massima intensità. In Italia bisogna pagare le imposte e se non ci fosse Equitalia non le pagherebbe nessuno. Che l’evasore sia un parassita della società è un dato di fatto. Si sono fatti passi importanti, concreti, c’è un movimento internazionale, stiamo cercando di portare a casa i quattrini che sono all’estero, e i segnali ci arrivano» da coloro che vogliono rimpatriare i capitali detenuti illegalmente all’estero. Bisogna trattare, senza sconti particolari, bisogna smussare qualche angolo».

Infine una battuta a sfondo calcistico: “Messi è l’evasore ideale, magari fossero tutti così”.  Lionel Messi e il padre Jorge Horacio hanno consegnato ad inizio settembre 5 milioni di euro al Tribunale di Gavà, che si occupa della causa intentata dalla Procura di Barcellona nei confronti del fuoriclasse argentino per evasione fiscale. Messi e il padre hanno cercato di ridimensionare le responsabilità penali in merito alla frode di oltre 4 milioni di euro legata alla gestione dei proventi dei diritti d’immagine del calciatore per il periodo 2007-2009 versando più del dovuto.