Latina Trapani Allievi, giocatore si sente male in campo: penalizzato!

allievifiorentinaslide

Incredibile vicenda quella capitata in Latina-Trapani del campionato Allievi domenica scorsa. Il giovanissimo Mattia Rinaldi, 16 anni, giocatore della compagine laziale, si era improvvisamente accasciato al suolo in seguito ad uno scontro di gioco, preda delle convulsioni. Il medico sociale dei siciliani, dottor Antonino Tartanella, è stato il primo ad essersi accorto della gravità della situazione prestando immediato soccorso al ragazzo. Lui stesso ha dichiarato a “Il Corriere dello Sport” in edicola oggi: “E’ andata bene”. L’ambulanza era al suo posto, a bordocampo”.

TUTTO BENE PER FORTUNA – L’immediato trasporto all’ospedale è risultato decisivo in positivo, con gli esami clinici del caso che hanno escluso emorragie interne. Nessuno dei ragazzi nel frattempo se l’è sentita di continuare la partita, che l’arbitro ha deciso di sospendere. Ed è arrivata in settimana una vera e propria beffa, rappresentata dalla discutibile sanzione adottata dal Giudice Sportivo, per il quale “non sussistono ‘circostanze di carattere eccezionale’ che […] giustifichino l’adozione del provvedimento di effettuazione o ripetizione della gara. […] (Il Giudice Sportivo, ndr) infligge alla Società U.S. Latina Calcio la punizione sportiva della perdita della gra con il risultato di 0-3 ed infligge un punto di penalizzazione in classifica”.

CHI SE NE IMPORTA – Il Latina ha deciso di non presentare ricorso. Gianluca Grande, responsabile del settore giovanile, spiega: “Cosa vuole che ce ne importi? Mi basta che Mattia stia bene. Ringrazio invece il Trapani, che si è anche occupato delle spese. E che serva da lezione: le ambulanze devono esserci. Sempre”.