Juventus senza sosta, col Lione necessario un po’ di turnover

La Juventus al lavoro a Vinovo.

La Juventus al lavoro a Vinovo.

Antonio Conte aveva chiesto una bolgia contro il Lione e l’avrà. Lo Juventus Stadium, infatti, sarà come al solito sold out per il ritorno dei quarti di Europa League in programma dopodomani. Già, tra poco più di 48 ore i bianconeri torneranno in campo con l’obiettivo di raggiungere le semifinali della seconda competizione europea. Di conseguenza non c’è il tempo di rilassarsi e staccare la spina dopo la fondamentale vittoria sul Livorno,poiché la coppa incombe. Se Conte avesse un interruttore per scalare un po’ di chilometri dalle gambe dei suoi lo azionerebbe sicuramente ma, in mancanza di questo, dovrà giocoforza attuare un minimo di turnover per far ricaricare le batterie a quei giocatori che fin qui hanno speso tanto.

TURNOVER– In soccorso del tecnico salentino sono arrivati i recuperi di Ogbonna e Peluso, mentre a giorni dovrebbe rivedersi anche Andrea Barzagli. Il ritorno dell’ex Torino, in particolare, dovrebbe far rifiatare uno tra Bonucci e Chiellini contro i francesi, mentre Caceres dovrebbe essere ancora titolare. In mediana tornerà dal 1’ Vidal dopo dieci giorni di lavoro, vista la doppia squalifica in campionato e coppa. Al suo fianco agirà certamente Marchisio, mentre uno tra Pogba e Pirlo riposerà. Probabilmente il bresciano. Sugli esterni toccherà sicuramente a Isla che però potrebbe giocare in fascia a sinistra mandando in panchina Asamoah con Lichtsteiner confermato a destra dopo il riposo di Lione. In avanti al momento la situazione è quantomeno incerta. Llorente è parso in forma e potrebbe partire dall’inizio, al suo fianco il favorito resta Tevez ma Giovinco scalpita. E’ ipotizzabile una staffetta tra i due, anche in base all’andamento del match.