Napoli, il tifoso aggredito da De Laurentiis querelerà il Presidente

Aurelio-De-Laurentiis

Guai in vista per Aurelio De Laurentiis. Infatti, rischia di avere strascichi la lite tra il Presidente del Napoli e un tifoso della squadra, Dario D’Agostino, a Parma. “Dopo poche ore dall’accaduto – ha detto al Resto del Carlinosono stato contattato da un dirigente del Napoli che mi ha invitato a Castelvolturno. Ma ho declinato l’invito, perché la mia dignità non la vendo a nessuno, nemmeno a chi ha più soldi di me. Sono sicuro di tenere di più io al Napoli, che De Laurentiis. Ora mi riservo di quererarlo”.

Ecco cosa è successo domenica sera fuori dal “Tardini”: “Gli ho detto: Presidente, noi non vogliamo vincere solo contro la Juventus. L’ho detto con educazione e per tutta risposta lui è sceso dalla macchina e si è avventato contro di me sotto gli occhi di chi era nei paraggi. Quanto è accaduto mi sta creando stress e tensione. Non sono abituato a situazioni del genere. Non sono riuscito a dormire e non sono andato nemmeno al lavoro. Io sono un operaio, e anche sul posto di lavoro mi sento a disagio di fronte ai colleghi. Ho delegato subito il mio avvocato affinché si occupi della vicenda”. “Ci riserviamo di intraprendere azioni legali contro Aurelio De Laurentiis – ha confermato l’avvocato Anna Rosa Belsanti – .Il mio assistito ha riportato lesioni fisiche, oltre a un evidente stato di stress”.

Il Patron del Napoli si era scusato, tramite il Sito Ufficiale della Società, con il tifoso invitandolo ad un incontro privato. Adesso però la situazione rischia di diventare delicata e l’evento non fa altro che ledere maggiormente l’immagine di De Laurentiis ed acuire la negatività intorno al club dopo la sconfitta di Parma che ha sentenziato la quasi impossibilità del raggiungimento del secondo posto in Campionato.