Padova-Reggina 2-2, pari inutile per la lotta salvezza

Di-MicheleReggina

Padova e Reggina si affrontano in uno scontro salvezza decisivo per le sorti delle due squadre nella corrente Serie B. Ai padroni di casa serve una vittoria per scavalcare il Cittadella e guadagnare almeno la posizione playout, alla Reggina invece servono i tre punti per continuare a tenere accesa la fiammella speranzosa della salvezza.

La gara si dimostra subito equilibrata. La prima conclusione è affidata a Strasser: il suo destro oltre la traversa. Al quarto d’ora è invece Tommaso Rocchi ha sfiorare la rete del vantaggio padovano: l’ex Lazio colpisce al volo da corner ma trova la pronta risposta di Pigliacelli.  I calabresi rispondono con un tiro a lato di Dall’Oglio, controllato senza problemi dal portiere. Il Padova manovra maggiormente la sfera ma difficilmente riesce a trovare il pertugio decisivo. Al 27′ però i padroni di casa trovano il meritato gol del vantaggio con una bella azione sulla fascia di Melchiorri che, dopo un dribbling, trova Improta con un preciso passaggio e il centrocampista firma il suo 5° gol con il Padova. 1-0 e situazione decisamente critica per la Reggina, sempre più lontana dalla salvezza. Gli ospiti cercano la svolta per il pari ma la squadra di Serena sembra in giornata positiva e concede davvero molto poco. Ci pensa però Pinzani, l’arbitro del match, a dare una mano alla Reggina concedendo un calcio di rigore che sembra esserci per un contatto in area di rigore. Dal dischetto Di Michele spiazza facilmente Mazzoni e porta la sfida sul risultato di parità proprio a ridosso della fine del primo tempo. C’è ancora tempo però per un destro di Melchiorri neutralizzato ottimamente da Pigliacelli in calcio d’angolo. Si va però al riposo sull’1-1: il pareggio non serve a nessuna delle due compagini, e il secondo tempo appare così decisivo.

La seconda frazione si apre con un cambio padovano (Carini per Kelic) e con qualche timido tentativo della Reggina, specie con Fischnaller. Il Padova cerca però, appena può, di trovare il gol del vantaggio: buona occasione per Iori che di testa sfiora il palo alla destra di Pigliacelli. Ancora il Padova pericoloso al 57′ con Melchiorri che, dopo una bella azione personale, scivola al momento del sinistro concludendo alto. Dall’Oglio per la Reggina produce una timida conclusione strozzata, ma è il Padova a cercare maggiormente la rete, pur evidenziando una perdita di concentrazione e condizione fisica. E allora non si può far altro che affidarsi all’esperienza e al fiuto del gol di Tommaso Rocchi che, da vecchio volpone, approfitta di un disimpegno di testa errato di Adejo freddando con il destro Pigliacelli e portando i suoi in vantaggio con il suo 4° gol stagionale. Per la Reggina la situazione si fa di nuovo molto critica, e la scarsa incisività dei calabresi porta all’ingresso in campo di Gerardi e Dumitru da parte di Gagliardi per cercare un episodio o una giocata positiva. Dall’altra parte il Padova sfiora il terzo gol con un sinistro di Improta che termina sul fondo. A sorpresa però la Reggina trova il gol del pareggio a 10′ dal termine: Adejo risolve con un tiro da fuori area una mischia forsennata post corner, trovando l’unico angolo di porta disponibile con grande precisione e facendosi perdonare l’errore sul gol subito in precedenza. Il Padova ora attacca più con i nervi che col fisico, mentre la Reggina appena può va in contropiede: Dall’Oglio col sinistro da fuori sfiora il colpaccio amaranto. All’88’ doppia grande occasione per il Padova: Vantaggiato a botta sicura si vede respinto un bel tiro dalla traversa, la palla finisce a Moretti e stavolta è Pigliacelli a blindare la porta. Al 91′ Reggina in 10: brutto intervento di Pambou su Iori e Pinzani lo manda sotto la doccia, lasciando i calabresi in inferiorità numerica negli ultimi minuti di gara. Melchiorri di testa non trova l’angolo giusto per il Padova ed è l’ultima opportunità della gara: il 2-2 maturato all’Euganeo non serve a nessuna delle due squadre, ancora imbottigliate gravemente nella lotta salvezza. Servirà ad entrambe maggiore qualità e precisione per venire fuori dalla scomoda posizione di classifica.

 

 

TABELLINO

FORMAZIONI

PADOVA (4-4-2): Mazzoni; Osuji, Kelic (49′ Carini), Benedetti, Almici; Cuffa (76′ Moretti), Iori, Improta, Pasquato (64′ Vantaggiato); Rocchi, Melchiorri. All. Serena

REGGINA (4-3-2-1): Pigliacelli; Maicon, Lucioni, Adejo, Barillà; Dall’Oglio, Strasser (67′ Gerardi), Sbaffo; Pambou, Fischnaller (70′ Dumitru); Di Michele (81′ Bochniewicz). All. Gagliardi

MARCATORI: 29′ Improta (P), 39′ rig. Di Michele (R), 63′ Rocchi (P), 78′ Adejo (R)

AMMONITI: Cuffa, Mazzoni, Iori, Carini, Rocchi (P); Barillà, Dall’Oglio, Lucioni, Maicon (R)