Pantaleo Corvino: “Quasi presi Vidic e Vidal. Spero nel Lecce in B”

Corvino2

Pantaleo Corvino, ex responsabile del settore tecnico della Fiorentina, ha parlato a SkySport di svariati temi. In primis, il suo ritorno come Ds in una squadra di calcio: “Tornare non dipende da me, ma dagli altri. Aspettiamo e vediamo se arriva una proposta buona dopo una pausa giusta e militata. Un po’ di riposo ogni tanto ci vuole.” Si passa al periodo Viola, e al lavoro svolto nella “cantera” con molti giovani adesso in rampa di lancio: “La Fiorentina? Dopo cinque anni era arrivata la fine del mio ciclo a Firenze. Ho cercato di gestirlo al meglio e qualcosa di buono è comunque arrivato come Romulo, Neto, Ljajic e Seferovic. Tutti ragazzi che arrivarono in viola a basso costo e che oggi sono elementi importanti nelle rispettive squadre. Bernardeschi in Nazionale? Faceva parte di una nidiata che ha reso bene, con titoli nazionali e resa economica. Assieme a lui c’era Babacar, Bittante, Acosty, Brivio. Sono tutti ragazzi che faranno bene.

Curiosità su due grandi giocatori nei rispettivi ruoli: Vidic all’Inter? Prima di tutto gli auguro un grande campionato con l’Inter, ma la prima cosa che gli chiederò è di darmi indietro la borsa Tod’s che mi aveva chiesto (ride, ndr). Aveva firmato con la Fiorentina dopo aver pagato la clausola rescissoria che aveva con il CSKA Mosca. Avevamo anche trovato l’accordo per l’ingaggio poi però è arrivato lo United con uno stipendio 3/4 volte superiore al nostro. Vidal in visita a casa mia per parlare di un passaggio alla Fiorentina? Il calcio è fatto di situazioni, di storie, ce ne sarebbero moltissime. Infine, da tifoso, la chiusura sulla sua squadra del cuore: “Il Lecce in Serie B? Ci spero. E’ una grande città che si merita di tornare nel grande calcio”.