Buffon: “Senza Conte sarei alla Roma. Vogliamo vincere tutto”

FBL-ITA-SERIE A- JUVENTUS-PALERMO

Se non ci fosse stato Conte ora giocherei nella Roma”. Questa la rivelazione di Gianluigi Buffon che, intervistato da Sky Sport, ha spiegato quanta importanza rivesta il tecnico bianconero: “Ha portato tantissimo anche quest’anno sul piano motivazionale, perché quando si argomenta sul fatto che dopo due campionati vinti, il terzo non è cosi scontato, si dice la verità perché in qualcuno o nel gruppo si può creare un senso di appagamento che poi è foriero solo di brutti presagi e cattive imprese. Invece il mister ci ha aiutato anche quest’anno a stare sempre sulla corda, a non dare mai nulla per scontato”.

GIGI PIGLIATUTTO– Buffon, poi, parla degli obiettivi della Juventus e ammette di volere tutto: “Vogliamo Scudetto ed Europa League per tornare tra le grandi d’Europa. L’Europa League non è un obbligo ma sicuramente è un obiettivo che è o che potrebbe diventare alla nostra portata. Se dovessimo esprimerci al 100% e se tutti i fattori fossero a nostro favore”. Infine, il numero uno bianconero elogia due dei suoi compagni di squadra, Pogba e Tevez: “In alcuni momenti della stagione, secondo me, la voglia di vincere e le doti da trascinatore di Tevez ci hanno dato una grande mano. Soprattutto all’inizio, quando eravamo un po’ tutti apatici,  questa sua grande carica agonistica ci ha trascinato. Paul è un talento indiscutibile, è una forza della natura che ci è esplosa tra le mani, sorprendendo tutti. Nel giro di due mesi tutti avevamo capito in maniera inequivocabile di che talento e di che giocatore si stesse parlando”.