L’Atalanta cambia tutto: Nike, nuovo stadio e sponsor

percassi

Antonio Percassi, presidente dell’Atalanta, ha svelato che la squadra bergamasca dal prossimo anno cambierà fornitore tecnico lasciando Errea per affidarsi a Nike. Contestualmente il proprietario del club orobico ha anche annunciato l’intenzione di voler presentare al Comune di Bergamo il progetto per il nuovo stadio. E sulla maglia della Dea cambierà anche lo sponsor commerciale, che non sarà più Axa.

RESTYLING – Percassi ha dichiarato a Bergamo Tv le intenzioni per la stagione che verrà: “L’Atalanta è in parola con Nike per cominciare una proficua partnership commerciale, l’azienda americana e noi siamo in ottimi rapporti e negli Stati Uniti hanno capito che la nostra è una realtà importante del panorama calcistico italiano. Mi è stato detto che le nuove maglie saranno molto belle”. L’ufficialità dell’accordo dovrebbe giungere a giorni, è probabile una rescissione del contratto in essere con Errea fino al 2015. L’Atalanta sarebbe la quinta squadra italiana alla quale il colosso dell’abbigliamento sportivo si unirà dopo Juventus, Inter, Verona ed il Napoli dal 1997 al 2000.

COSI’ CRESCE L’ATALANTA – Nel frattempo ci sono degli sviluppi anche per quanto riguarda il nuovo partner della compagine lombarda che potrà mostrare il proprio logo sulle maglie nerazzurre: l’agenzia di assicurazioni Axa dovrebbe lasciare il posto probabilmente al marchio Alitalia del quale lo stesso Percassi è socio azionario da dicembre 2013 dopo aver investito nella compagnia area nostrana circa 15 milioni di euro. “Il mio obiettivo è fare crescere l’Atalanta mantenendo i bilanci sempre floridi – ha dichiarato il presidente orobico – e per fare questo bisogna lavorare sul settore giovanile, sull’esportazione del nostro brand e sulla realizzazione di un nuovo impianto“.

NUOVO STADIO FONDAMENTALE – Lo stadio concepito dall’Atalanta e che verrà passato al vaglio della municipalità prevede un investimento di 30 milioni di euro per la realizzazione di un immobile con 24mila posti tutti a sedere oltre al museo della società, ristoranti, negozi ed altri locali da adibire ad attività ricreative. Il modello sarà all’inglese, senza barriere divisorie sul campo, uno stadio per le famiglie. Percassi aggiunge: “La nostra idea è di realizzare il tutto sul preesistente Atleti Azzurri di Italia rinnovandolo ex novo e risponderemo presente sia nel caso di un bando di vendita dell’impianto che per la possibilità di chiedere in concessione lo stadio per 99 anni come fatto dall’Udinese. Si tratta di un’operazione vitale per noi”.

LE FOTO DELLE NUOVE MAGLIE DELL’ATALANTA