La Juventus fa il pieno di sì, ora si punta a chiudere Iturbe

Iturbe

E’ il primo momento chiave nel calcio mercato della Juventus. I bianconeri dopo aver perfezionato le cessioni di Vucinic e Peluso, sono pronti a piazzare il primo vero colpo per la stagione 14/15. Il nome è sempre quello di Juan Manuel Iturbe. Nonostante l’ottimismo del calciatore, che ha già detto sì da tempo a Madama, la trattativa è ancora lontana dalla conclusione. Non tanto per la concorrenza del Milan che non spaventa Marotta e Paratici, bensì per le resistenze del Verona. La richiesta gialloblù infatti continua ad essere di 30 milioni cash, non un euro di meno. Cifra alla quale la Juventus non ha alcuna intenzione di arrivare come confermato ieri da Marotta che ha fissato a 23 milioni l’offerta massima. A meno che il Verona non accetti di inserire Fabio Quagliarella nella trattativa.

SOLO LA JUVE– Oltre al sì di Iturbe, Marotta ha incassato anche quelli di Alvaro Morata e Patrice Evra. Col primo l’accordo è totale e la strategia è definita. La Juventus vuole strapparlo in prestito con diritto di riscatto fissato a 20 milioni di euro tra un anno, senza diritto di ricompra. Il Real è disposto a venderlo a 20 subito, o darlo in prestito ma con la possibilità di riprenderselo entro due anni a 24 milioni. Così Morata ha deciso di rifiutare qualsiasi destinazione che non sia Torino, per costringere i blancos a mollare il colpo. La questione Evra è meno imminente. Ovviamente, il terzino del Manchester United, è concentrato sui quarti di finale del Mondiale in cui sarà impegnato oggi con la Francia. A rassegna iridata conclusa cercherà di svincolarsi dai Red Devils per accasarsi a parametro zero alla Juventus.