Costa Rica, Ruiz incontentabile: “Orgogliosi del cammino in Brasile, ma ora vogliamo di più”

Ruiz costa rica

Il Mondiale del Costa Rica, è stato tra i più sorprendenti delle ultime competizioni planetarie. Definita in principio come squadra materasso nel girone di ferro composto da Italia, Inghilterra e Uruguay, il Costa Rica ha messo sin da subito le cose in chiaro, abbattendo 3-1 in rimonta gli uomini di Tabarez. Successivamente ha sconfitto anche gli azzurri di Prandelli, prima di pareggiare 0-0 contro l’ormai eliminata Inghilterra, chiudendo il girone al primo posto con al passivo 1 solo gol subito dal portiere Keylor Navas. Lo straordinario Mondiale costaricano, è continuato con il passaggio del turno contro la Grecia ai rigori, e si è interrotto ieri sera ai quarti di finale contro l’Olanda, che ha piegato gli americani solamente ai calci di rigore. Ma l’aver sfiorato le semifinali, dopo aver eliminato squadre blasonate, non basta più al Costa Rica, parola di Bryan Ruiz.

PUNTIAMO IN ALTO – Il 28enne attaccante di proprietà del Fulham punta ancora più in alto dopo l’exploit brasiliano: “Siamo orgogliosi della nostra avventura brasiliana, ma vogliamo ancora di più adesso! Le quattro squadre che sono rimaste hanno dimostrato di essere le migliori al mondo, ma noi lavoreremo per essere dove sono loro adesso tra quattro anni. La sostituzione olandese dei portieri per i rigori? Non mi ha sorpreso, ma è stata una buona mossa. Conosco Van Gaal e so che è capace di queste cose: è il calcio”.