Chievo, è rivoluzione: dopo 22 anni lascia il ds Sartori

sartori campedelli chievo

Il Chievo ha comunicato attraverso una nota sul proprio sito web ufficiale la separazione dallo storico direttore sportivo, Giovanni Sartori, in carica dal lontano 1992 e che ha rassegnato le proprie dimissioni, accettate dalla società gialloblu.

GRAZIE DI TUTTO – Il presidente clivense, Luca Campdelli, ha commentato sull’addio di Sartori: “Le parole non sono sufficienti per spiegare quanto tu sia stato importante e fondamentale per me. Non è un addio ma un arrivederci. A presto”.

UNA STORIA LUNGA 30 ANNI – Sartori, giunto al Chievo già prima nel 1984 in qualità di giocatore quando la squadra militava in Interregionale, ha rilasciato nelle scorse ore un’intervista al quotidiano scaligero “L’Arena” dove anticipa la sua decisione irrevocabile: “In questi trent’anni assieme abbiamo vissuto giornate straordinarie superando anche avvenimenti che sembravano insormontabili. Basta pensare all’ultima stagione, grande sofferenza e poi, la grande gioia della salvezza. Ma alla lunga queste cose ti restano dentro, ti segnano. E ti fanno pensare, com’è successo a me, di doverti fermare. Sento che è giusto così perché penso che il Chievo abbia bisogno di altro e forse io oggi non riesco a darglielo”.

IL DOPO-SARTORI E’ IN CASA – Il successore di Sartori dietro alla scrivania dovrebbe essere Luca Nember, 42 anni, ex Lumezzane e già da luglio 2013 entrato a far parte nei quadri dirigenziali del Chievo proprio come direttore sportivo, con Sartori che aveva ricoperto il ruolo di direttore tecnico pur continuando ad essere il punto di riferimento del Chievo per il mercato.