Sentite Ferrero “Mihajlovic ha fatto promesse, adesso deve vincere”

ferrerosampdoria

L’imprenditore romano Massimo Ferrero ai microfoni, precisamente quelli della “Gazzetta dello Sport” per una lunga intervista che ha toccato molti temi, caldi e non, dal calciomercato fino alle possibilità di poter entrare già da prima nel mondo pallonaro, il tutto senza dimenticarsi qualche protagonista, come Cambiasso, Mihajlovic e il fresco di trionfo Romero, il portiere dell’Argentina e della Sampdoria fino a due stagioni fa.

INTERVISTA FERRERO Prima ambito societario “Edoardo Garrone è un gran signore, la sua è una famiglia perbene. Ora voglio mettere a posto questa meravigliosa azienda che perdeva tantissimi soldi. Lui delegava molto, a differenza mia che non ho consiglieri. Io non faccio finanza, ma impresa” Ha continuato poi Ferrero “In passato, mi hanno offerto praticamente tutte le squadre del Sud, Bari e Salernitana comprese, oltre a Bologna e persino Fiorentina. Non volevo però sembrasse mia intenzione imitare Cecchi Gori” Chiosa finale su Braida “Lo amo. È una persona fantastica, ma non posso permettermi uno che avrebbe dovuto prendere 1,6 milioni. Ne vale 3, però qui mi serve una 500 Abarth: bassa cilindrata, prestazioni elevate. Spero di incontrarlo nella prossima vita, un po’ meno esoso e più fattivo”.

FERRERO SUI PROTAGONISTI Al solo sentire nominare Mihajlovic il presidente risponde “Lui ha fatto promesse a me. Deve vincere con sei squadre. E’ un grande uomo, entrambi veniamo dal nulla. Siamo la coppia più bella del mondo” Sul rapporto allenatore presidente invece c’è qualcosa che non va “Serve una via d’uscita agli allenatori pagati che stanno a casa e ai procuratori. Via la gente improbabile dalle mie aziende. Rossi non ha voluto fare una transazione, allenerà i fuori rosa”. Infine due gioielli argentini, Cambiasso e Romero, sull’ex Inter “L’ho contattato, ma mi ha detto che non giocherà più in Italia per non tradire l’Inter” Sul portiere dell’albiceleste invece parole al miele “È il momento giusto per trovare uno squadrone”.

 

Stefano Mastini (@StefanoMastini1)