Tommasi: “Sistema dei prestiti sbagliato, buco per i giovani”

Damiano-Tommasi_h_partb

Il presidente dell’Assocalciatori, Damiano Tommasi, ha rilasciato una lunga intervista a “La Gazzetta dello Sport” e ha analizzato la crisi del calcio in Italia: “Dopo Bosman il calcio è cambiato e anch’io quando giocavo colsi l’opportunità di andare all’estero. Il punto è un altro: capire perché andiamo a cercare altrove qualcosa che magari qui abbiamo già. Al di là delle norme, certi paesi come percezione del fenomeno e multiculturalismo sono decenni avanti a noi. L’importante è capire se in Italia si pesca all’estero perché c’è un progetto o magari soltanto per trasferire risorse. La fase di transizione è un nostro grosso difetto, non certo favorita da un sistema di campionati che crea un buco nella formazione dei ragazzi, per i quali poi emergere è un terno al lotto”

IL SISTEMA DEI PRESTITI – Il numero uno dell’Assocalciatori ha analizzato il sistema dei prestiti e nota numerose lacune: “Per valutare il sistema serve capire quanti dei ragazzi in prestito poi tornano effettivamente in A. La Salernitana è la squadra satellite della Lazio: i movimenti tra i due club sono a senso unico, la Lazio ne manda tanti a Salerno, ma da Salerno alla Lazio? Compriamo ragazzi come Lamela, Pastore e Cavani, diamo loro l’opportunità di giocare e imparare ai massimi livelli e poi diventino oggetto di mercato internazionale. Ma qui gioca tanto anche un altro fattore… La percezione della gente: se a un tifoso presenti un Primavera italiano e un belga della stessa età, è sempre portato a pensare che il belga sia più bravo.Sotto questo punto di vista le squadre B aiutano”.

IL MODELLO – Tommasi ha dunque illustrato il possibile modello da prendere in considerazione, cioè quello spagnolo: “Mi piace e l’ho visto da vicino. Attingere dalla tua squadra B a stagione in corso è una possibilità sia per il giocatore giovane che per il club, è quel pezzettino dell’evoluzione che da noi oggi non è curato. Ho giocato al Levante, che ha una gran tradizione di vivaio, e penso a realtà eccellenti di casa nostra come Empoli, Atalanta, Cesena, che lavorano benissimo coi giovani e potrebbero avere senza problemi la seconda squadra”.