Ana Ivanovic, ex numero uno WTA, dice addio al Tennis

CONDIVIDIShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on RedditShare on StumbleUpon

Ivanovic addio tennis – Troppi infortuni per la campionessa di cristallo, che ad appena 29 anni lascia il tennis.

Dopo i risultati che ho raggiunto in carriera, non riesco a continuare se non sono al meglio. Gli infortuni mi hanno perseguitata ultimamente, e non riesco più ad essere al top. Sento che questo è il momento di smettere”. Questo l’annuncio che non lascia spazio ad un finale alternativo, che la tennista Ana Ivanovic pubblica su Facebook. Una decisione dolorosa e difficile, che però la campionessa sente come la più giusta perché gli infortuni che l’hanno perseguitata per tutta la carriera questa volta hanno avuta la meglio. La Ivanovic scrive la parola fine ad una carriera piena di successi e traguardi importanti che, insieme ai suoi infortuni, l’hanno resa la campionessa di cristallo.

Una carriera di successo

L’anno d’oro di Ana Ivanovic è stato senza dubbio il 2008. Anno in cui ha conquistato il Roland Garros e in seguito alla vittoria di questo Grande Slam ha conquistato il primo posto del ranking della Woman’s Tennis Association (WTA) che l’ha innalzata a miglior tennista del mondo. Tutto questo ad appena 20 anni. La giovane età, il talento e la bellezza della tennista di Belgrado l’hanno messa al centro del ciclone mediatico che circonda il mondo del Tennis, ma Ana era ancora una ragazza troppo fragile per sopportare questo tipo di attenzione. E la sua carriera ha iniziato a prendere quell’andatura altalenante dalla quale la campionessa di cristallo non è più riuscita a scendere.

La Ivanovic chiude la sua carriera con 15 trofei sulle mensole di casa, una prima piazza del ranking WTA e diverse copertine. Lascia il tennis giocato ma non esce dall’orbita Tennis, infatti è proprio lei ad annunciare le sorti del suo futuro: “Rimarrò nel mondo del tennis come ambasciatrice, e porterò avanti alcuni progetti nel campo della moda e dell’immagine”. 

di Riccardo Meloni

CONDIVIDIShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on RedditShare on StumbleUpon