Verso Lazio-Milan: Montella pensa a Deulofeu falso nueve

Milan-Lazio, Vincenzo Montella e Simone Inzaghi - Serie A

Lazio Milan – Nella conferenza stampa di avvicinamento a Lazio-Milan, Vincenzo Montella ha parlato del momento dei propri attaccanti.

Con la vittoria rocambolesca di Bologna, il Milan di Vincenzo Montella è tornato a respirare. Reduce da un momento complicato in termini di risultati, paradossalmente il Diavolo è tornato al successo nella partita in cui sembrava più improbabile. Nelle ultime settimane Vincenzo Montella ha sottolineato il netto miglioramento dei suoi sotto il profilo del gioco, nonostante i pochi punti messi in cascina.

A destare le maggiori perplessità è il reparto offensivo dei rossoneri ed in particolar modo il ruolo di attaccante centrale, che nelle ultime settimane ha visto alternarsi con scarso successo Carlos Bacca e Gianluca Lapadula. Non è chiaro chi dei due giocherà contro la Lazio, Montella ha però spiegato le difficoltà di entrambi.

Lapadula è un guerriero, da allenatore sai che dà sempre il 100% quando gioca. Lo vedo un po’ in calo fisicamente, forse avrebbe bisogno di giocare di più per rendere al meglio. So di poter contare sempre su di lui. Bacca è un giocatore importante e il mio compito è quello di farlo rendere al meglio. Se non lo fa, la colpa mia. In passato ha fatto meglio rispetto ad ora. Domani titolare o panchina? Non anticipo mai la formazione

LA PAZZA IDEA DI MONTELLA

Il secondo tempo di Bologna, con il Milan ridotto in nove uomini e costretto a giocare di rimessa, ha esaltato le qualità del duo spagnolo Suso-Deulofeu. In particolare l’ex Barcellona si è rivelato decisivo per le sorti del match e ha tenuto botta anche giocando in posizione centrale. Considerate le tante assenze in difesa, Montella potrebbe dunque optare per un Milan più coperto all’Olimpico e pronto a sfruttare la velocità di un tridente composto da Ocampos, Deulofeu e Suso, con il numero 7 nelle vesti di falso nueve.

Deulofeu? Nessuno se lo aspettava. Va bene premiare mediaticamente il suo momento, ma io voglio premiare anche il lavoro degli altri. Il tridente con lui, Suso e Ocampos è una possibilità. Ci sto pensando, sto valutando diverse possibilità. Sono certo che chiunque giocherà fa bene.