MotoGP, test Philip Island: Vinales spaventa la concorrenza, Rossi e Lorenzo arrancano

Vinales test Philip Island - Fonte: Twitter @MotoGP

MotoGP test Philip Island – Il day 2 dei test di MotoGP a Philip Island si chiude con il dominio di Maverick Vinales.

Team e piloti della MotoGP mandano in archivio anche la seconda giornata di test australiani. Sul circuito di Philip Island, il più veloce nel day 2 è stato Maverick Vinales: lo spagnolo della Yamaha ormai non è più da considerarsi una sorpresa ma piuttosto una solida certezza. L’ex pilota della Suzuki ha infatti letteralmente demolito la concorrenza nella seconda giornata di test, dopo il 4° posto nella prima. Un primato che era nell’aria già da ieri, quando terminata la giornata al 4° posto ha dichiarato di non aver provato a cercare il tempo sul giro secco.

Alle sue spalle si conferma in crescita Marc Marquez, primo ieri e secondo oggi, seppur staccato di oltre 4 decimi dal connazionale. Per il campione del mondo in carica tanto lavoro in questa giornata, chiusa con ben 107 giri all’attivo. La prima fila virtuale è chiusa da un sorprendente Cal Crutchlow, che paga appena 16 millesimi al fenomeno di Cervera. Si conferma in palla nel pre-season Alvaro Bautista, che chiude quarto in sella alla sua Ducati del team Aspar, staccando di meno di un decimo la prima rossa ufficiale di Andrea Dovizioso, 5°.

 

Rossi e Lorenzo in difficoltà

Primo acuto di Aprilia con Aleix Espargaro, sesto davanti alla Yamaha del team Tech 3 di Folger e a quella di Valentino Rossi, che nel giorno del suo 38° compleanno è soltanto 8° e staccato di più di 8 decimi dal compagno di box. La top 10 è chiusa dai redivivi Rins e Miller, in sella rispettivamente alla Suzuki e alla Honda del team Estrella Galicia. Fuori dalla top 10 Andrea Iannone, 12° e staccato di 1,1 secondi. Danilo Petrucci è 14°, davanti ad un Lorenzo sempre più in difficoltà (1.3 il distacco dalla vetta) e ad un Pedrosa che paga quasi un secondo dal compagno di squadra.

MotoGP test Philip Island day 2 - Fonte: motogp.com

Fonte: motogp.com