Il meglio e il peggio dei quarti di finale di Europa League: cuore, spettacolo ed over time

Lione Europa League

EUROPA LEAGUE QUARTI – L’Europa League continua a regalare emozioni, gol, giocate e partite al cardiopalma. I quarti di finale di ritorno della seconda competizione europea sono praticamente da infarto con ben tre sfide terminate oltre i regolari 180 minuti di gioco: due le gare terminate ai supplementari ed una addirittura ai calci di rigore con il solo Celta Vigo in grado di festeggiare una meritata qualificazione già nei regolamentari. Gli spagnoli sono infatti i primi a strappare il pass per le semifinali con un gran gol di Pione Sisto che in avvio di ripresa taglia le gambe al Genk il quale trova con Trossard un pari di fatto inutile. Tanta fatica invece per il Manchester United che va in vantaggio con Mkhitaryan salvo essere raggiunto alla mezz’ora. Ai supplementari è poi Marcus Rashford a trovare l’angolo giusto che fa volare Mourinho. All’over time trionfa anche l’Ajax che al termine di una sfida infinita perde per 3-2 qualificandosi ugualmente. A completare il quadro delle migliori 4 d’Europa è infine il Lione che perde nei regolamentari per 2-1. Il Besiktas trova quindi la parità nel computo totale grazie ad uno straordinario Anderson Talisca prima di cedere il passo all’OL al termine di una serie infinita di calci di rigore che premia Bruno Genesio.

Il meglio e il peggio dei quarti di finale di Europa League:

Lacazette e Talisca incantano ma l’epilogo è da infarto

Besiktas-Lione è stata senza alcun dubbio la gara più bella ed entusiasmante della serata di Europa League. Il primo colpo è di Talisca che col piede debole supera Lopes. Ci pensa poi Lacazette a pescare con un delizioso pallonetto il gol più bello della serata europea su assist di Gonalons. Il talentino brasiliano del Besiktas però non è mai domo e nella ripresa trova il 2-1 con una splendida incornata di testa che spedisce tutti ai supplementari. Impeccabile anche la serie di rigori regolari con 10 conclusioni da urlo prima degli errori dei centrali del Besiktas che uniti alla trasformazione di Gonalons condannano i turchi all’eliminazione.

via GIPHY

La sofferenza di Mou

Soffre oltre il dovuto e ben al di la del pronosticabile il Manchester United di Josè Mourinho. Mkhitaryan in avvio di gara sembra mettere tutto in discesa prima del pareggio belga di Hanni che supera Romero. Ibra intanto lascia il terreno di gioco nei supplementari per lasciar spazio a Martial. Sul terreno di gioco ci rimane però Marcus Rashford che approfittando di una sponda di Fellaini (vera mossa tattica di Mou) inchioda l’estremo difensore bianco-malva sul 2-1 finale che qualifica i Red Devils.

via GIPHY

Remuntada e contro remuntada

Non meno pazzesca della sfida della Besiktas Arena è stato sicuramente il confronto tra Schalke 04 ed Ajax. Il 2-0 dell’andata rilassa decisamente troppo i ‘Lancieri’ che incassano due reti in 3 minuti in avvio di ripresa con Goretzka e Burgstaller che fanno esplodere la Veltins-Arena. Le cose sembrano mettersi per il verso giusto dopo l’espulsione di Veltins che lascia in 10 un Ajax ormai stanco e alle corde. In avvio di supplementari arriva quindi il tris firmato da Daniel Caligiuri che di testa sembra regalare per davvero il pass per le semifinali ai Knappen. Il calcio però continua a riservare sorprese dietro ogni angolo e quando tutto sembrava perduto per gli olandesi un rimpallo regala a Viergever il punto del 3-1. Nel finale arriva poi anche il 3-2 definitivo realizzato con tenacia da un ottimo Younes.

via GIPHY

Una bomba per il game over21

Il 3-2 dell’andata e una superiorità evidente in termini di qualità tiene invece al sicuro il Celta Vigo che trova anche la sicurezza con una bomba di Pione Sisto che in avvio di ripresa fa calare il sipario sul discorso qualificazione regalando agli spagnoli la semifinale di Europa League.

via GIPHY

Europa League, quarti di finale di ritorno: risultati e marcatori

Besiktas-Lione 2-1 (6-7 d.c.r.) (27′ Talisca (B), 34′ Lacazette (L), 58′ Talisca (B)) (andata 1-2)

Genk-Celta Vigo 1-1 (63′ Pione Sisto (C), 67′ Trossard (G)) (andata 2-3)

Manchester United-Anderlecht 2-1 d.t.s. (10′ Mkhitaryan (M), 32′ Hanni (A), 107′ Rashford(M)) (andata 1-1)

Schalke 04-Ajax 3-2 d.t.s. (53′ Goretzka, 56′ Burgstaller, 101′ Caligiuri, 110′ Viergever, 120′ Younes) (andata 0-2)