Nuova avventura, solito talento: 5 perle di Wesley Sneijder

Sneijder

Di pochi minuti fa è l’ufficialità del passaggio di Wesley Sneijder al Nizza. Il trequartista olandese, in passato giocatore anche di Real Madrid e Inter, ha quindi sposato la causa del club francese e sarà tra i calciatori avversari del Napoli nei preliminari di UEFA Champions League che si giocheranno a metà agosto.
Estroso, di grande qualità ma anche concreto: Sneijder è un giocatore che ha sempre fatto apprezzare le sue qualità balistiche in giro per l’Europa. Pur non essendo mai stato un attaccante di razza, l’olandese ha messo a segno gol di pregevole fattura, decisivi o meno, che lo hanno imposto alla storia come un giocatore di enorme portata nonostante il fisico minuto. Perché, si sa, nella botte piccola c’è il vino buono.

Dal Real Madrid all’Inter: cinque tra i gol più belli della carriera di Wesley Sneijder.

PSV-AJAX, 2007
Cresciuto con la maglia della squadra olandese, Sneijder è circondato da futuri campioni ma fa brillare la sua stella anche grazie a delle spettacolari qualità balistiche. In particolare, la sua specialità è senz’altro quella del tiro da fuori. Una specialità che si rende palese già nel 2007, con un gol pazzesco – peraltro con piede “debole”, quello sinistro – siglato in casa del PSV Eindhoven durante una gara di Eredivisie. Per la cronaca, la gara terminerà 1-5 per gli ospiti.

VILLARREAL-REAL MADRID, 2007
Nello stesso anno Sneijder compie il balzo grandissimo e si trasferisce al Real Madrid. L’avventura in camiseta blanca non sarà indimenticabile per lui, che però riesce comunque a trovare il tempo per siglare gol bellissimi come quello segnato al Villarreal. Peraltro sull’ennesima specialità della casa: i calci di punizione, che vedono nell’olandese un assoluto fuoriclasse.

INTER-ROMA, 2009
La vera consacrazione della carriera arriva però all’Inter: Sneijder vincerà con i nerazzurri il Triplete nella mitica stagione 2009-2010 e la sua mancata presenza nella shortlist del Pallone d’Oro farà gridare allo scandalo. Impossibile dare torto ai detrattori di quella edizione del premio dopo aver visto un gol simile: un mix di tecnica, precisione e potenza. Ancora una volta con quello che, almeno teoricamente, dovrebbe essere null’altro che il piede d’appoggio.

GALATASARAY-ARSENAL, 2014
Non tantissime le gioie durante l’avventura turca ma Sneijder si segnala soprattutto per due reti siglate in Champions League: la prima, ormai famigerata, è quella che estromette la Juventus dalla fase a gironi nell’edizione 2013-2014. La seconda è questa splendida punizione all’Arsenal, in cui c’è tutta la maestosità del giocatore: angolo incrociato, pulizia del calcio e palla piazzata al punto giusto nonostante barriera e portiere.

OLANDA-MESSICO, 2014
Non poteva di certo mancare un gol con la Nazionale Oranje. Tra i tanti, quasi tutti bellissimi, ne scegliamo uno siglato contro il Messico in amichevole. Ancora una volta controllo tutt’altro che sbagliato e bordata che va a battere il portiere avversario. Vedremo al Nizza altre di queste poesie in movimento?