Sarri elogia i suoi pupilli: “Quest’anno si può andare in alto”

Torna il sorriso a Maurizio Sarri dopo la batosta subita in Champions dallo Shakhtar Donetsk. Il roboante 6-0 con cui il Napoli ha vinto il derby campano contro il Benevento riconsegna al campionato una prova super e con più di quattro reti. Il tecnico toscano ha detto così a fine partita: “Ho chiesto ai ragazzi un approccio diverso dalla sfida in Ucraina e i ragazzi hanno risposto bene, ma d’altra parte questa deve essere la normalità. Obiettivo scudetto? Noi puntiamo a giocare contro la Lazio come abbiamo fatto nel primo tempo di oggi: il nostro obiettivo deve sempre essere la partita successiva. Ammetto che possiamo andare in alto, la convinzione che la nostra consapevolezza sia cresciuta rispetto al passato ce l’ho anche io”. Poi il discorso passa ai suoi giocatori, due in particolare: Mertens e Hamsik. “Mertens paragonabile a grandi centravanti come Higuain e Lewandowski? Ha caratteristiche diverse, ma a livello di realizzazioni ormai lo considero uno dei più grandi al mondo. Sul capitano :”Marek l’ho visto in ripresa: deve fare ancora un po’ di strada, ma qualche segnale l’ha dato. Volevo fargli battere il rigore, pensavo fosse solo a un gol dal record di Maradona, ma quando mi hanno detto che non era così ho pensato che fosse giusto sfamare il nostro attaccante, che ha sempre fame di gol. Se Marek ritrova la giusta condizione noi facciamo un passo in avanti. Hamsik tutelato anche nelle difficoltà? Certo, perché penso che così poi si possa ritrovare subito il fuoriclasse che è.” Se anche Sarri parla di scudetto in casa Napoli, allora forse gli azzurri possono davvero avere le carte buone per conquistare il primo posto.