SHARE

La Robur sa di aver già perso Giuseppe Sannino, destinato a raggiungere il Palermo per seguire l’ex dirigente Giorgio Perinetti. Il presidente Massimo Mezzaroma sta vagliando diverse ipotesi sia per la panchina che per il ruolo di direttore sportivo. Per la scrivania il favorito è Sean Sogliano, il cui ultimo impiego è stato proprio a Palermo ed è culminato con le sue dimissioni a causa di screzi con il presidente rosanero Maurizio Zamparini. Sogliano ha anche avuto un recente flirt con il Genoa. Il suo ingaggio comporterebbe una impennata nelle quotazioni di Devis Mangia per diventare il nuovo allenatore (hanno lavorato insieme al Varese due anni fa), ma anche Fulvio Pea del Sassuolo e Davide Dionigi del Taranto godono di stima da parte della dirigenza senese. Si tratta di tecnici emergenti, che hanno fatto bene nelle loro precedenti esperienze pur essendo alle prime armi nel calcio professionistico e sono anche a buon mercato, cosa che non guasta.

L’intenzione del Siena è proprio quella di ripetere l’esperienza vissuta quest’anno con Sannino, che al suo primo anno di Serie A ha condotto brillantemente la squadra in una tranquilla posizione di classifica mostrando bel calcio e valorizzando molti calciatori della rosa. Sempre inerente al nuovo ds si tengono sotto osservazione Lorenzo Minotti, liberatosi dal Cesena e con una pretendete in meno (la Fiorentina, che ieri ha ufficializzato Daniele Pradè) e Stefano Capozucca, in uscita dal Genoa dopo 8 anni.

SHARE