SHARE

Il corteggiamento della Fiorentina a Vincenzo Montella proseguirà ancora per un po’. Ieri il ds viola Daniele Pradè è stato in Sicilia per parlare con le parti interessate ed effettuare le dovute valutazioni. Il matrimonio è possibile, si tratta di portare in dote le giuste contropartite, rappresentate da alcuni giocatori graditi alla proprietà etnea. Al presidente rossoazzurro Antonino Pulvirenti sono stati fatti i nomi di Michele Camporese e Matija Nastasic, ovviamente non in via definitiva ma al massimo in comproprietà. La Fiorentina potrebbe anche pensare di affidarsi a loro per il tanto annunciato nuovo corso, si tratta di ragazzi che al loro impatto con la Serie A non hanno sfigurato. Un eventuale trasferimento magari potrebbe giovare a Camporese, che dopo il buon esordio dell’anno scorso si è poi perso nella stagione appena conclusa.

Il Catania comunque sa di avere il coltello dalla parte del manico e spara alto. Per liberare Montella i siciliani avrebbero richiesto anche Alessio Cerci, cercato tra l’altro da Genoa e Torino. Nonostante tutte le tribolazioni vissute in maglia viola Cerci rappresenta un patrimonio per la società ed un giocatore della sua levatura tecnica non si può inserire alla leggera in una trattativa che non comporti un ricavo importante in cambio del suo cartellino. Per cui appare evidente che si tratta di una provocazione di Pulvirenti e che la Fiorentina non accetterà. Appare difficile anche un esborso di denaro da parte dei viola, che vorrebbero chiudere il prima possibile per portare Montella in Toscana. Il Catania invece non ha fretta, bisogna trattare ed aspettare. Ma alla fine siamo sicuri che si farà.

SHARE