SHARE

Ieri si è giocato un bellissimo Inter-Milan allo stadio “Barbetti” di Gubbio, valido per la finale del Campionato Primavera-Trofeo Giacinto Facchetti. Tutto si è deciso alla fine, quando le due squadre pensavano di andare ai rigori, i nerazzurri l’hanno spuntata con un gol del bravo Samuele Longo (tripletta per lui), che qualche settimana fa ha anche esordito in Serie A nell’ultima di campionato contro la Lazio. E proprio la Lazio di categoria sarà l’avversario dei giovani allenati da Daniele Bernazzani. Il mister, da qualche mese al posto di Andrea Stramaccioni passato ad allenare i “grandi”, si è detto entusiasta. “Partita fantastica, dall’epilogo pazzesco, noi ci abbiamo creduto fino alla fine ed anche sui rigori avremmo dato tutto. Sono contento per come la squadra ha reagito nei momenti difficili sapendo ribaltare la situazione. La vittoria è meritata, dopo la Next Generation Series per la società sarebbe di ulteriore prestigio conquistare il titolo nazionale”, le sue parole.

La finalissima si giocherà sabato prossimo contro la Lazio, che a sua volta ha battuto la Roma. E’ stata una Final Eight all’insegna delle sfide speciali. Sulla partita: Milan in vantaggio con Comi al 18′ su rigore, pareggio dell’Inter sei minuti dopo con Longo che batte con freddezza Piscitelli. Nel secondo tempo vantaggio dell’Inter con Romanò di testa al 63′, pareggia il Milan dieci minuti dopo ancora con Comi, ancora di testa. Da segnalare l’ingresso tre istanti prima del secondo portiere interista Sala, con il titolare Di Gennaro vittima di un infortunio abbastanza serio. I tempi regolamentari si chiudono sul 2-2, ai supplementari i rossoneri passano nuovamente in vantaggio con un poderoso tiro da fuori di Innocenti, infine il secondo tempo supplementare si apre e si chiude con i due gol del MVP Longo, il che vuol dire gioco, partita e incontro per l’Inter.

 

SHARE