SHARE

Dopo una splendida cerimonia d’apertura, caratterizzata da un’incredibile coreografia con il pubblico impegnato nella rappresentazione delle bandiere delle 16 nazionali in campo, il National Stadium di Varsavia ospita la prima partita degli Europei 2012…

POLONIA – GRECIA

La Polonia si presenta a questo Europeo casalingo come possibile sorpresa grazie all’esperienza internazionale di Szczęsny, e alla tecnica e classe degli astri nascenti Piszczek, Błaszczykowski e Lewandowski. La Grecia invece si affida ai sempreverdi Gekas e Samaras supportati sulla destra da Sotiris Ninis, neo acquisto del Parma.

Parte subito forte la squadra di casa supportata da una straordinaria cornice di pubblico e appare subito evidente la difficoltà della Grecia soprattutto contro la forte fascia destra polacca. Dopo varie occasioni sfruttate in maniera poco efficace, l’ennesima incursione di Piszczek sulla destra si conclude con un cross perfetto per Lewandowski che al 17° del primo tempo con uno stacco che trova impreparata tutta la difesa della Grecia, infila il portiere Chalkias e porta in vantaggio i padroni di casa. Quindicesimo gol in nazionale per l’attaccante del Borussia e Polonia in vantaggio!!!!

Dopo il gol la Grecia non accenna una reazione all’altezza, si affida alle giocate di Ninis ma senza trovare il guizzo giusto, addirittura al 36° Perquis sugli sviluppi di un calcio di punizione spreca malamente una grande occasione, da solo sul dischetto dell’area di rigore spara a lato con il mancino.

Al 43° l’episodio-svolta Sokratis Papastathoupolous interviene fallosamente su Murawski che si stava involando verso l’area di rigore, doppia ammonizione ed espulsione per il difensore greco. Però sia la prima che la seconda ammonizione sono apparse molto molto dubbie, oserei dire inesistenti. Arbitraggio molto casalingo.

Dopo altre proteste greche per un fallo di mano in area involontario al 48° termina il primo tempo: Polonia arrembante e Grecia che chiude il primo tempo in 10 e che è apparsa decisamente troppo lenta e per niente pericolosa a parte qualche giocata di un fumoso Ninis.

Nel secondo tempo è proprio Ninis ad uscire, entra Salpingidis che dopo soli 5 minuti sfrutta con opportunismo e freddezza una uscita a vuoto di Szczesny e mette dentro praticamente a porta vuota! POLONIA – GRECIA 1 a 1 

Incredibilmente la Grecia, in 10, diventa padrone del gioco, la Polonia subisce il colpo del pareggio e dopo una clamorosa occasione sprecata da Samaras, al 67° Salpingidis si procura un rigore dopo atterramento da parte di Szczesny che viene giustamente espulso. Entrambe le squadre in 10, rigore battuto da Karagounis ma il neo entrato Tyton para!!! Ancora 1 a 1 e ora la partita diventa molto interessante!!!

Al 73° ancora Salpingidis sugli scudi che irrompe in area dopo un cross dalla sinistra e segna, ma il gol viene giustamente annullato per fuorigioco.

All’83° tiro al volo di Lewandowski che si spegne sull’esterno della rete.

Null’altro da registrare.

Polonia deludente, Grecia che con orgoglio strappa un punto prezioso

Migliore in campo Salpingidis

SHARE