SHARE

parma-v-inter-milan-nicola-sansone-celeb_2867013
Nome: Nicola
Cognome: Sansone
Data di nascita: 10 settembre 1991
Luogo di nascita: Monaco di Baviera (Germania)
Piede preferito: Destro
Altezza: 175 cm
Peso: 63kg
Squadra di appartenenza: Parma

Giovane, di carattere e con un grande talento. Queste sono le principali caratteristiche del giovane calciatore di cui ci occupiamo: Nicola Sansone.
Nato a Monaco di Baviera (Germania) il 10 settembre 1991, Sansone è un attaccante rapido ed eclettico. Cresciuto calcisticamente in Germania, non ha mai nascosto l’amore per l’Italia e per la maglia azzurra. In casa parla italiano e questo lo spinge a scegliere di indossare la maglia delle nazionali giovanili italiane, con le quali fa tutta la trafila fino al debutto in Under21 sotto la guida di Ciro Ferrara.
I primi calci ad un pallone li da nella scuola calcio del SV Neuperlach, maglia con la quale militerà fino all’età di 10 anni. Giovanissimo si trasferisce nella squadra più forte ed ambita di Germania: il Bayern Monaco.
Con i biancorossi bavaresi si mette in evidenza come attaccante esterno, forte nell’uno contro uno e rapido delle decisioni. Nel Junior Team legherà particolarmente con l’altro itato-tedesco, Robero Soriano (oggi alla Sampdoria), con il quale nel novembre 2007 debutterà in Nazionale Under17.
175cm per 63kg di peso, Sansone è un giocatore che fa della velocità e del dribbling le sue armi principali. Sa ricoprire diversi ruoli nel campo, ma è letale se può partire da destra. A Monaco si accorgono del suo talento e lo fanno debuttare con la seconda squadra, che milita in terza divisione (la nostra Lega Pro). A cavallo fra 2010 e 2011 colleziona trentadue presenze e due reti con il Bayern Monaco II; ed una panchina in prima squadra nel match contro il Friburgo.
Le prestazioni del ragazzo sono talmente convincenti che Inter, Tottenham e Bayer Leverkusen lo seguono da vicino. A fine stagione Sansone sceglie di non rinnovare il contratto con il Bayern. Dopo un lungo corteggiamento è il Parma ad assicurarsi la giovane promessa, grazie ad un colpo di mano dell’esperto direttore generale parmigiano, Pietro Leonardi.
Sansone viene subito aggregato alla prima squadra, ma in estate è girato in prestito al Crotone, squadra con la quale può maturare ulteriore esperienza. Nella compagine calabrese si ritaglia un ruolo da protagonista in un difficile campionato come la Serie B, giocando trentacinque partite condite da sei reti.
I suoi goal sono spesso frutto di grandi azioni, di norma orchestrate con l’altro grande talento della squadra crotonese, l’attuale centrocampista della Roma Alessandro Florenzi.
Velocità, tecnica e prontezza nell’uno contro uno sono le doti che gli possono permettere di emergere. Alcuni detrattori ritengono questo ragazzo “leggero” per un campionato impegnativo come la Serie A, ma non si deve commettere quest’errore. Giocatori come Messi, Gotze, Giovinco, Oscar, Hazard sono diventati grandi giocatori a discapito di un fisico giudicato esile da molti. Proprio la leggerezza permette a Sansone di scattare così rapidamente ed essere, allo stesso tempo, integro fisicamente. Ricordiamoci di Alexandre Pato, ingrossato muscolarmente in questi ultimi anni ed ora soggetto a continui infortuni o stop precauzionali.
Ritornato a Parma Sansone ha messo a segno il suo primo goal in Serie A, portando in vantaggio i suoi nella difficile di trasferta in casa del Torino. Partendo dalla preferita fascia destra, Sansone ha raccolto un delizioso lob di Parolo, ha controllato di destro e ha trafitto l’estremo difensore granata, Gillet, con un sinistro preciso.
Lunedì invece ha realizzato il gol vittoria contro l’Inter, è partito quasi dalla metà campo, un’accelerazione che ha sorpreso tutti e un destro preciso che hanno lasciato il segno.
La strada è spianata, tocca al ragazzo ritagliarsi spazio. Su di lui sono pronti a scommettere in tanti.
Daniele Berrone fonte generazioneditalenti.com 
SHARE